I musei di Genova: Musei del Centro, Musei del Ponente, Musei del Levante

I musei di Genova: Musei del Centro, Musei del Ponente, Musei del Levante

Una guida ai musei del capoluogo ligure con orari di apertura, indirizzi, contatti ed una breve descrizione di ciascun istituto, per poter scoprire i tesori nascosti all'interno di palazzi storici e ville nobili. Partendo da Via Garibaldi, la più monumentale della città, è tutta una sfilata di superbi palazzi del Cinquecento e del Seicento, molti dei quali racchiudono splendidi cortili e ricche sale decorate di affreschi: una vera e propria “strada-museo”, capolavoro della cultura architettonica e abitativa genovese e sede di una istituzione culturale unica per dimensioni, caratteristiche, qualità e prestigio.

Musei di Genova Centro
Musei di Genova Ponente
Musei di Genova Levante

Mappa dei Musei di Genova Centro


Visualizza Itinerario: Musei di Genova Centro in una mappa di dimensioni maggiori

Musei del Centro

Musei di strada nuova

Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi, capolavori della cultura architettonica e abitativa genovese del Cinque e Seicento, sono riuniti in un unico e coerente percorso espositivo dedicato all’arte antica. I tre edifici, ubicati all’estremità occidentale di Strada Nuova, appartengono al Sistema dei Palazzi dei Rolli, dichiarato dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

www.stradanuova.museidigenova.it
http://www.stradanuova.it
http://rolliestradenuove.it
e-mail: museidistradanuova@comune.genova.it

Info e biglietteria: Bookshop dei Musei di Strada Nuova > tel. 010 2759185 biglietteriabookshop@comune.genova.it
Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun Chiuso
Ingresso: intero € 8,00; ridotto € 6,00; ridotto € 6,00 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito ai musei per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova.

Musei di strada nuova - Palazzo Rosso

Via Garibaldi, 18 - 16124 Genova
Tel. 010 5574972 - fax 010 5574973
www.palazzorosso.museidigenova.it

In ambienti di straordinaria qualità decorativa, opera dei massimi pittori genovesi del Sei e Settecento, ospita la notevolissima quadreria, le collezioni d’arte e gli arredi storici della famiglia Brignole Sale. Accanto al celebre allestimento di Franco Albini, considerato un autentico capolavoro della museologia moderna, mantiene il carattere originario di casa-museo. Le sale delle Stagioni, affrescate da Gregorio De Ferrari e Domenico Piola, sono fra gli emblemi più luminosi del barocco genovese. La collezione di dipinti presenta capolavori di artisti italiani (Palma il Vecchio, Veronese, Moretto, Gentileschi, Procaccini, Guido Reni, Guercino, Mattia Preti), genovesi (Strozzi, Grechetto, Gregorio De Ferrari) e stranieri (Dürer, Van Dyck, Rigaud). Due terrazzi situati a diverse altezze offrono una prospettiva privilegiata su Strada Nuova e sull’intero centro storico cittadino.

Sono fruibili l'Auditorium dei Musei di Strada Nuova e il Centro di documentazione per la Storia, l’Arte, l’Immagine di Genova, che riunisce Biblioteca di Storia dell’Arte, Archivio Fotografico e Collezioni Topografica e Cartografica (www.docsai.museidigenova.it).

Musei di strada nuova - Palazzo Bianco

Via Garibaldi, 11 - 16124 Genova
Tel. 010 5572193 - fax 010 5572269
www.palazzobianco.museidigenova.it

Di origine cinquecentesca, viene ricostruito nel 1711 per la famiglia Brignole Sale che nel 1889 lo lega alla citta di Genova. Inaugurato nel 1892 come museo civico, riapre nel 1950 con l’esemplare allestimento di Franco Albini. Con le sue 47 sale espositive è la principale pinacoteca della Liguria; le sue collezioni, ricche di opere fiamminghe (Memling, David, Van Cleve, Rubens, Van Dyck), italiane (Filippino Lippi, Veronese, Caravaggio, Procaccini), genovesi (Cambiaso, Strozzi, Assereto, Borzone, Fiasella, Gio. Andrea e Gregorio De Ferrari, Valerio Castello, Grechetto, Gaulli, Domenico Piola, Magnasco) e spagnole (Zurbaran, Murillo), documentano l’evoluzione della cultura figurativa a Genova dal Cinque al Settecento. Il percorso espositivo, recentemente rinnovato, si presenta arricchito da due importanti dipinti cinquecenteschi di scuola veneziana, Susanna e i vecchioni di Paolo Veronese e le Nozze mistiche di Santa Caterina d’Alessandria di Paris Bordon.

Nuovi spazi al piano ammezzato sono riservati al DVJ Damasco Velluto Jeans - Centro Studi Tessuto e Moda, che ospita mostre ed eventi dedicati all’arte tessile (www.dvj.museidigenova.it).

Musei di strada nuova - Palazzo Tursi

Via Garibaldi, 9 - 16124 Genova
Tel. 010 5572193 - fax 010 5572269
www.palazzotursi.museidigenova.it

Palazzo Grimaldi, poi Doria Tursi, esempio elegante di architettura manierista, è la più grandiosa residenza privata eretta all’interno delle mura cittadine nel Cinquecento. Collegato a Palazzo Bianco tramite il giardino pensile che conserva significativi resti della trecentesca chiesa di San Francesco di Castelletto, ne amplia il percorso espositivo con dipinti databili dal XVI al XVIII secolo. Accanto ai capolavori di autori come Gregorio De Ferrari e Alessandro Magnasco, in uno spazio appositamente allestito è possibile ammirare l’eccezionale Maddalena Penitente di Antonio Canova (1790), un esempio tra i più alti e partecipati della produzione scultorea dell'artista, recentemente collocata a conclusione del percorso.

Gli ambienti del piano nobile affacciati sul monumentale cortile loggiato ospitano una ricca esposizione di opere d’arte decorativa e applicata (arazzi seicenteschi in filo d’oro e d’argento, mobili antichi, ceramiche genovesi e liguri), la celebre raccolta delle monete, dei pesi e delle misure ufficiali dell’antica Repubblica di Genova, i cimeli paganiniani ed il celebre violino Guarneri del Gesù.

Palazzo Bianco
Palazzo Rosso
Palazzo Tursi

Museo di Sant’Agostino

Piazza Sarzano, 35 r. 16128 Genova
Tel. 010 2511263 - fax 010 2464516
www.santagostino.museidigenova.it
e-mail : museosagostino@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso

Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito ai musei per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Dal 1984 è ospitato nell’antico complesso conventuale agostiniano di Piazza Sarzano. All’interno dei suggestivi ambienti che si sviluppano su due piani attorno ai chiostri, sono collocati sculture, affreschi staccati e reperti lapidei databili dal X al XVIII secolo, provenienti in larga parte da edifici e monumenti cittadini distrutti nel corso dell’Ottocento. Accanto ad opere di Francesco Maria Schiaffino, Valerio Castello, Domenico Piola, Luca Cambiaso e Filippo Parodi, spiccano il Monumento funebre a Margherita di Brabante di Giovanni Pisano e la Madonna con il Bambino ed il Ratto di Elena del marsigliese Pierre Puget.

Di grande interesse è anche la nuova sezione permanente dedicata alla Pittura Medioevale che comprende capolavori come la bizantina Madonna di Pera e la trecentesca Madonna con il Bambino fra Santi di Barnaba da Modena.

Museo del Tesoro della Cattedrale di San Lorenzo

Cattedrale, Piazza San Lorenzo - 16123 Genova
Tel. 010 2471831 - fax 010 5574701, 010 3622329
www.museosanlorenzo.museidigenova.it
e-mail: museotesorogenova@libero.it

Orario: Lun-Sab 9-12; 15-18; ogni prima domenica del mese 15-18
Ingresso: intero € 5,50; ridotto € 4,50 (per studenti, oltre i 60 anni, soci TCI); Card Musei 

Nei suggestivi ambienti sotterranei della Cattedrale di San Lorenzo, sono esposti capolavori di oreficeria ed arte sacra collocabili tra l'XI e il XIX secolo. Tra i pezzi più significativi del museo il Sacro Catino, ritenuto per secoli il Santo Graal utilizzato da Cristo nel corso dell’Ultima Cena, la bizantina Croce degli Zaccaria, donata alla Cattedrale sul finire del XV secolo, l'Arca delle Ceneri di San Giovanni Battista (1438-1445) ed altri oggetti legati al culto del patrono della città.

Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce

Via Jacopo Ruffini, 3 - 16128 Genova
Tel. 010 585772, 010 580069 - fax 010 532482
www.villacroce.museidigenova.it
e-mail : museocroce@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso
Orario Collezioni: da Mar a Sab 9-13 o su appuntamento tel. n. 010/580069
Ingresso mostre: prezzo variabile
Ingresso Collezione Depositi: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Istituito nel 1985 e ospitato nell'ottocentesca Villa Croce, il museo conserva un patrimonio di circa 5000 pezzi, tra i quali spicca la collezione d’arte astratta Maria Cernuschi Ghiringhelli, con oltre 200 opere di alcuni tra i più importanti artisti italiani e stranieri del Novecento (Licini, Magnelli, Munari, Fontana, Manzoni, Melotti; Arp, Sonia Delaunay, Jasper Johns). Oltre alla vasta documentazione sulla ricerca artistica genovese e ligure dal secondo dopoguerra a oggi, accoglie una sezione dedicata ad artisti contemporanei italiani e stranieri (Patterson, Pozzi, Rotella, Vautier) e ad artisti emergenti. Laboratorio dei linguaggi della contemporaneità, il museo realizza ed ospita mostre di rilievo nazionale e internazionale ed iniziative collaterali dedicate alla poesia, al cinema, alla letteratura e alla musica.

Museo d'Arte Orientale "Edoardo Chiossone"

Villetta Di Negro piazzale Mazzini, 4N - 16122 Genova
Tel. 010 542285 - fax 010580526
www.chiossone.museidigenova.it
e-mail : museochiossone@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Il ricchissimo patrimonio di arte giapponese ed orientale raccolto in Giappone nel periodo Meiji dall’incisore genovese Edoardo Chiossone è esposto all’interno dello splendido edificio progettato dall’architetto razionalista Mario Labò. Il museo ospita oltre 20.000 pezzi tra dipinti, stampe policrome, smalti, ceramiche, lacche, porcellane, armi e armature, strumenti musicali, maschere teatrali, costumi, tessuti ed una ricca collezione di grandi sculture della Cina e del Siam. La collezione Ukiyoe, nota in tutto il mondo, conserva pitture di Harunobu, Utamaro, Hiroshige e Hokusai.

Museo Civico di Storia Naturale "Giacomo Doria"

Via Brigata Liguria, 9 - 16121 Genova
Tel. 010 564567, 010 582171 - fax 010 566319
www.doria.museidigenova.it
e-mail : museodoria@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

A due passi dalla Stazione Brignole e a 10 minuti dal mare di Corso Italia, il Museo è uno dei più amati dai genovesi. Istituito nel 1867, ebbe come prima sede Villetta Di Negro, acquistata dal Comune ed affidata al Marchese G. Doria, che ne seguì la ristrutturazione e fu il primo direttore del Museo. Quando lo spazio divenne insufficiente ad accogliere le preziose collezioni venne decisa la costruzione di una nuova sede, l’attuale, inaugurata il 17 ottobre 1912. I primi due piani ospitano l’esposizione al pubblico, gli altri sono adibiti a uffici, laboratori, biblioteca e collezioni di studio (zoologiche, botaniche, mineralogiche e geopaleontologiche). Nel percorso espositivo del piano terreno sono da segnalare il grande scheletro fossile dell’Elefante Antico Italiano, la ricca serie di Mammiferi, particolarmente pregevole per i Marsupiali, e la sala col diorama della Savana africana. Un salone è dedicato alle mostre temporanee di argomento naturalistico, mentre nell’Anfiteatro vengono tenute conferenze e proiettati documentari.

Museo del Risorgimento - Istituto Mazziniano

Via Lomellini, 11 - 16124 Genova
Tel. 010 2465843 - fax 010 2541545
www.mazziniano.museidigenova.it
e-mail : museorisorgimento@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab 10-19, Dom e Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Riaperto in occasione del Bicentenario Mazziniano (2005) con un percorso espositivo rinnovato, il museo è ospitato in quella che fu la casa natale di Giuseppe Mazzini. Conserva documenti e cimeli risorgimentali (autografi, oggetti, divise, bandiere, ecc.) che illustrano un percorso storico da Balilla ai giacobini, dalla Repubblica Ligure alla Giovine Italia, dal 1848 alle guerre per l’Indipendenza e all’impresa dei Mille, per giungere fino a Roma Capitale. Di rilievo le sezioni dedicate a Goffredo Mameli e all’”Inno Nazionale”, di cui è esposto il manoscritto autografo, e quella che ha per protagonista Garibaldi e la sua epopea. Il percorso cronologico s’intreccia con momenti d’approfondimento su particolari temi e personaggi avvalendosi di installazioni multimediali. Recentemente sono state aperte nuove sale che accolgono mostre temporanee, dibattiti e attività didattiche.

Cattedrale di San Lorenzo, all'interno il Museo del Tesoro
Museo d'Arte Orientale E.Chiossone
Museo del Risorgimento

Mu.Ma / Castello D’Albertis Museo delle Culture del Mondo

Corso Dogali, 18 - 16136 Genova   
Tel. 010 2723820, 010 2723464 - fax 010 2721456
www.castellodalbertis.museidigenova.it
e-mail : castellodalbertis@comune.genova.it

Orario:
Ottobre – marzo: martedì-venerdì 10-17; sabato e domenica 10-18; lunedì chiuso
Aprile – settembre: martedì-venerdì 10-18; sabato e domenica 10-19; lunedì chiuso
Ingresso:
individuale adulti € 6; bambini 4-12 anni € 4,50; bambini 0-3 anni gratuito; gruppi (1 gratuità ogni 25 paganti) € 4,50; scuole (min. 15 ragazzi, 2 accompagnatori gratuiti) € 3,50; tessera famigliare per n° 10 ingressi € 30,00; socio “Amici del Castello D’Albertis” € 3,50; cumulativo Galata + Castello D’Albertis > adulti € 13,00, ragazzi € 8,00

Straordinario punto panoramico sulla città, Castello D’Albertis è stato costruito a fine ‘800 su fortificazioni cinquecentesche dal Capitano Enrico Alberto D’Albertis (1846-1932) ed è stato da lui donato insieme al materiale archeologico, etnografico e marinaresco raccolto in tutto il mondo nei suoi viaggi per mare e per terra.La dimora del Capitano D’Albertis è il punto di partenza di un viaggio che conduce, attraverso il Salotto Turco, la Sala Colombiana, la Sala Gotica e la Cabina Nautica, alle civiltà precolombiane di Centro e Sudamerica, agli Indiani delle Pianure Nordamericane, agli Hopi dell’Arizona, alle culture dell’Oceania. Più voci e più prospettive per raccontare le storie dietro agli oggetti e ascoltare altri mondi. All’interno, il Museo delle Musiche dei Popoli, curato dall'Associazione Echo Art, e la nuova sezione permanente dedicata all’Etnomedicina.

Mu.Ma / Galata Museo del Mare

Calata De Mari, 1 - Darsena, Porto Antico - 16126 Genova
Tel./fax 010 2345655 (info), tel. 010 2514760 – fax 010 2543908 (museo)
www.galatamuseodelmare.it ; www.mumagenova.it
e-mail: museogalata@muma.genova.it; accoglienzagalata@galatamuseodelmare.it

Orario:
Novembre – febbraio: mar-ven 10-18 (ultimo ingresso 17); sab, dom e festivi: 10-19.30 (ultimo ingresso 18); lunedì chiuso
Marzo – ottobre: martedì-domenica 10-19.30 (ultimo ingresso 18); lunedì chiuso
Agosto: aperto anche lunedì
Ingresso:
individuali adulti € 10,00; ragazzi 4 – 12 anni € 5,00; bimbi 0 – 3 anni gratuito; militari € 8,00; senior (oltre 65 anni) e invalidi € 8,00 (con giustificativo); disabili € 8,00 (ingresso gratuito per accompagnatore); gruppi adulti € 8,00 (1 gratuità ogni 25 paganti); gruppi studenti € 5,00 (min. 15 ragazzi; 2 accompagnatori gratuiti); cumulativo Galata + Acquario: adulti € 22,00; ragazzi € 12,00; Card Musei 

Inaugurato nel 2004, è il più grande museo marittimo del Mediterraneo. L’edificio che lo ospita - l’antico Arsenale della Repubblica di Genova - ha subito un intervento di ristrutturazione di grande pregio, opera dell’architetto spagnolo Guillermo Vasquéz Consuegra. Il complesso museale, che comprende circa 6000 oggetti, segue l’evoluzione del porto e della città marittima. Non ha un approccio esclusivamente scientifico, ma dà ampio spazio anche ad aspetti multimediali e interattivi. Uno dei gioielli del Museo è la fedele ricostruzione di una galea genovese del ‘600 collocata nel suo scivolo originale. Il visitatore è condotto attraverso sale più tradizionali (su Cristoforo Colombo, Andrea Doria, sulle carte nautiche e gli strumenti scientifici), ma può anche esplorare gli ambienti dell’Arsenale, visitare l’armeria della Darsena, sfogliare con un supporto multimediale preziosi atlanti cinquecenteschi, salire su un brigantino dell’Ottocento, attraversare una tempesta a Capo Horn o ancora veder costruire un veliero in legno sulle spiagge della Liguria. Di grande suggestione sono anche la Sala del Piroscafo e la grande esposizione La Merica!”, incentrate sul tema del viaggio tra ‘800 e ‘900, la sezione dedicata al Progetto per il Waterfront di Renzo Piano con il relativo archivio, ed infine la terrazza panoramica MIRAGenova. All’esterno dell’edificio, il sommergibile S-518 “Nazario Sauro” sarà presto trasformato in un vero e proprio padiglione galleggiante del Museo.

Mu.MA / Commenda di San Giovanni di Pre’

Via di Prè - 16126 Genova
Tel. 0102514760 (info)
e-mail: infocommenda@muma.genova.it

Orario: mar-dom 10 - 17, lunedì chiuso; periodo estivo: sab, dom e festivi 10-19 (ultimo ingresso ore 18.30)
Ingresso: individuale adulti € 4; senior (sopra i 65 anni) e ragazzi fino a 18 anni € 2,80; bambini 0-3 anni gratis. Ingresso gratuito con biglietto del Galata, biglietto integrato Galata/Castello D’Albertis e Acquario Village.
Per il periodo estivo la visita è gratuita per i gruppi accompagnati da guida turistica, per i gruppi disabili/anziani/bambini centri estivi, purché accompagnati. E’ consigliabile la prenotazione allo 010 2514760 o all’indirizzo infocommenda@muma.genova.it 

La Commenda di San Giovanni di Prè è uno straordinario edificio eretto nel 1180 per assistere pellegrini e crociati che si recavano o ritornavano dalla Terrasanta. Affidato ai Frati Ospitalieri, in seguito conosciuti come Cavalieri di Malta, l’ospitale era un luogo aperto a tutti che rappresentò da subito un centro di eccezionale importanza non solo per le dimensioni ma anche per la funzione di fondamentale punto di snodo dei viaggi per e da la Terrasanta. Interessata da complessi restauri tra il 1962 e il 2004, nel 2009 la Commenda è stata riaperta al pubblico con un allestimento in forma di “museo teatro”, dove documenti della storia medievale, accuratamente selezionati e rielaborati, sono diventati immagini, dialoghi, racconti e spettacolo grazie all’interpretazione degli attori del Teatro del Suono, diretti da Andrea Liberovici. Sofisticate tecnologie interattive permettono, all’avvicinarsi del visitatore, di animare gli antichi muri e le vele che separano gli spazi, facendo tornare in vita, come ombre o fantasmi, i personaggi dell’epoca: genovesi, viaggiatori e numerosi protagonisti della Crociate.

Castello D'Albertis - Museo delle Culture del Mondo
Galata - Museo del Mare

Mappa dei Musei di Genova Ponente


Visualizza Itinerario: Museo di Genova Ponente in una mappa di dimensioni maggiori

Musei del Ponente

Mu.Ma / Museo Navale di Pegli (punto  M )

Piazza Bonavino, 7 - 16156 Genova
Tel. 010 6969885 - fax 010 5574701
www.navale.museidigenova.it
e-mail : museonavale@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-13; Sab e Dom 10–19; Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Accolto nella villa rinascimentale di Gio. Andrea Doria, il museo ospita collezioni marittime genovesi (XI-XIX sec.), reperti di archeologia sottomarina, carte nautiche, modelli navali e vedute seicentesche. Tema della collezione è il rapporto tra la riviera ligure e il mare: a partire dal Medioevo, il percorso documenta le modalità con cui la costa, in maniera diversa dalle città e in particolare da Genova, assunse forme particolari di commercio, navigazione, pesca e costruzione navale. L’allestimento, che introduce alla vita della villa negli anni dei Doria, si dipana come un viaggio nel tempo attraverso i portolani e gli atlanti, le vedute delle numerose colonie dell’antica Repubblica di Genova, ed il grande sviluppo della marineria ligure fra XVIII e XIX secolo.

Museo di Archeologia Ligure (punto  N )

Villa Pallavicini, Via Pallavicini 11 - 16155 Genova Pegli
Tel. 010 6981048, 010 6 984 045 - fax 010 6974040
www.archeologico.museidigenova.it
e-mail : archligure@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Situato in uno dei più celebri giardini storici genovesi ed ospitato negli spazi di Villa Pallavicini, il museo documenta il passato più antico della Liguria: le eccezionali sepolture paleolitiche dalla grotta delle Arene Candide (la più antica, detta «del Principe» per la ricchezza del suo corredo, risale a oltre 23.000 anni fa), le testimonianze dei primi agricoltori e allevatori del Neolitico, i ricchissimi reperti della necropoli preromana di Genova e la Tavola della Val Polcevera, la più antica iscrizione di età romana della Liguria. Conserva inoltre la preziosa raccolta del principe Odone di Savoia che comprende un rilevante patrimonio archeologico di vasi greci, bronzi, ceramiche, vetri e gemme romane. Due sale sono dedicate alla collezione egizia, dove spiccano il sarcofago e la mummia del sacerdote Pasherienaset, e ai marmi romani. Oltre a proporre itinerari tematici, laboratori e sperimentazioni su aspetti del mondo antico, il museo è dotato di un'area di scavo archeologico simulato e di uno "spazio grotta" in cui sono ricostruite le condizioni di vita nelle grotte liguri in epoca preistorica. Nell’ambito di alcune attività didattiche è possibile visitare gratuitamente il Giardino Botanico "Clelia Durazzo".

Museo di Storia e Cultura Contadina (punto  O )

Salita al Garbo, 43 - 16159 Genova Rivarolo
Tel. 010 7401243 - fax 0106974040
www.garbo.museidigenova.it
e-mail : biglietteriagarbo@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-13, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova 

Inaugurato nel 1983 con un allestimento che propone al pubblico una duplice chiave di lettura, scientifica e didattica, il museo illustra sinteticamente, attraverso reperti di cultura materiale, strumenti e fotografie, gli insediamenti storici liguri, l'organizzazione delle case contadine, gli aspetti della vita familiare, i mestieri tradizionali, i cicli di coltura della vite, dell'olivo, del castagno e della canapa. 

Museo Navale di Pegli
Museo di archeologia Ligure

Mappa dei Musei di Genova Levante


Visualizza Itinerario: Musei di Genova Levante in una mappa di dimensioni maggiori

Musei del Levante

MUSEI DI NERVI

Inseriti in un contesto paesaggistico di incomparabile bellezza eletto a luogo privilegiato di vacanza dall’aristocrazia europea già dalla seconda metà dell’Ottocento, i Parchi di Nervi coprono un’area di oltre 9 ettari in cui si possono ammirare piante mediterranee (alberi del pepe, ulivi, oleandri, pini marittimi), esotiche e tropicali (palme, agavi, cedri, araucarie, canfori), oltre al prestigioso roseto* di Villa Grimaldi Fassio che accoglie 800 diverse varietà di rose in fiore da maggio a novembre. Al loro interno i Musei di Nervi riuniscono la Galleria d’Arte Moderna, le Raccolte Frugone, il Museo Luxoro e la più recente Wolfsoniana in un unico percorso espositivo che raccoglie opere databili dal Seicento ai giorni nostri, riservando ampio spazio alle arti decorative.

Galleria d’Arte Moderna (punto  P )

Villa Saluzzo Serra, Via Capolungo 3 - 16167 Genova Nervi
Tel. 010 3726025, 010 5574739 - fax 010 3725743
www.gam.museidigenova.it
e-mail: gam@comune.genova.it

Orario: Mar-Dom 10-19; Lun chiuso
Ingresso: intero € 6,00; ridotto € 5,00; Card Musei; cumulativo Musei di Nervi (GAM - Raccolte Frugone - Museo Luxoro - Wolfsoniana): card annuale € 12,00, annuale bambino € 5,00, giornaliero € 10,00 

Costruita ed ampliata tra la fine del ‘500 e l’800 e sede della Galleria d’Arte Moderna dal 1928, Villa Saluzzo Serra accoglie importanti collezioni d’arte ligure dal XIX al XXI secolo, con significative aperture sul contesto nazionale. Dopo l’acquisizione del primo nucleo delle raccolte, donato nel 1866 dal principe Odone di Savoia, il patrimonio civico d’arte moderna si arricchisce grazie ai numerosi lasciti, alle donazioni e ad un’intensa campagna di acquisti attuata tra il 1912 e il 1950 per volere del pittore e storico dell’arte Orlando Grosso, primo direttore della Galleria e personalità nodale nelle vicende artistiche cittadine. Le principali correnti artistiche dell’Otto e Novecento sono raccontate attraverso opere di assoluta qualità firmate da artisti come Nicolò Barabino, Ernesto Rayper, Alfredo D’Andrade, Vincenzo Cabianca, Plinio Nomellini, Rubaldo Merello, Fortunato Depero, Felice Casorati, Filippo De Pisis, Francesco Messina, Eugenio Baroni, Arturo Martini, Renato Guttuso, Mario Mafai, Corrado Cagli. Nel percorso espositivo rientra anche una selezione di dipinti ed arredi della Mitchell Wolfson Jr. Collection.

Raccolte Frugone (punto  Q )

Villa Grimaldi Fassio, Via Capolungo 9 - 16167 Genova Nervi
Tel. 010 322396 - fax 010 3724405
www.raccoltefrugone.museidigenova.it
e-mail : raccoltefrugone@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-19, Sab e Dom 10-19, Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova; cumulativo Musei di Nervi (GAM - Raccolte Frugone - Museo Luxoro - Wolfsoniana): card annuale € 12,00, annuale bambino € 5,00, giornaliero € 10,00 

Villa Grimaldi Fassio conserva le collezioni d’arte italiana e straniera donate alla città nel 1935 e nel 1953 dai fratelli Lazzaro e Luigi Frugone. Ritratti, pitture di genere, paesaggi e sculture databili tra il 1860 e il 1930 riflettono i criteri del collezionismo altoborghese di inizio Novecento. Tra gli autori presenti in collezione ricordiamo Giovanni Boldini, Tranquillo Cremona, Giuseppe De Nittis, Giovanni Fattori, Francesco Messina, Francesco Paolo Michetti, Richard Miller, Giovanni Segantini, Telemaco Signorini, Joaquín Sorolla y Bastida, Paolo Troubetzkoy.

Museo "Giannettino Luxoro" (punto  R )

Viale Mafalda di Savoia, 3 - 16167 Genova Nervi
Tel. 010 322673 - fax 010 3724405
www.museoluxoro.museidigenova.it
e-mail : museoluxoro@comune.genova.it

Orario: Mar-Ven 9-13, Sab 10-13, Dom e Lun chiuso
Ingresso: intero € 4,00; ridotto € 2,80; ridotto € 2,80 per gli ultra 65; Card Musei; ingresso gratuito al museo per tutti i cittadini UE da 0 a 18 anni e la domenica per i residenti nel Comune di Genova; cumulativo Musei di Nervi (GAM - Raccolte Frugone - Museo Luxoro - Wolfsoniana): card annuale € 12,00, annuale bambino € 5,00, giornaliero € 10,00 

Il museo ospita un’importante collezione di orologi e pendole, ceramiche, preziose raccolte di argenti, specchiere, cornici intagliate, tessuti antichi. I mobili che arredano la villa rappresentano una delle sezioni più importanti del museo, accanto all’eccezionale patrimonio di figurine da presepio, imponente per numero e qualità dei pezzi, tra cui la serie di statuette lignee genovesi settecentesche e alcune rare sagome in cartone dipinto di area lombarda. Anche la quadreria rispecchia la predilezione dei Luxoro per l’arte settecentesca e i soggetti a carattere profano, con scene di genere e i dipinti di paesaggio, tra i quali spiccano alcune opere di Alessandro Magnasco, Antonio Francesco Peruzzini e Carlo Antonio Tavella, accanto ai numerosi ritratti settecenteschi di scuola genovese e ad una nutrita serie di marine di area nordeuropea. 

Wolfsoniana (punto  S )

Via Serra Gropallo, 4 - 16167 Genova Nervi
Tel. 010 3231329, 010 5761393
http://www.wolfsoniana.it
e-mail : info@wolfsoniana.it; biglietteriawolfsoniana@comune.genova.it

Orario: da martedì a domenica dalle 10.00 alle 19.00; chiuso lunedì
Ingresso:  intero € 5,00; ridotto € 4,00; Card Musei; cumulativo Musei di Nervi (GAM - Raccolte Frugone - Museo Luxoro - Wolfsoniana): card annuale € 12,00, annuale bambino € 5,00, giornaliero € 10,00 

Dedicata alle arti decorative e di propaganda del periodo 1880-1945, la Wolfsoniana illustra il gusto per l’esotismo diffusosi in Italia alla fine dell’Ottocento, per poi aprirsi alle principali correnti artistiche della prima metà del XX secolo, dall’Art Nouveau al Déco, dal Novecento al Razionalismo. La complessità culturale dell’epoca è documentata dalla straordinaria varietà di oggetti conservati, frutto del vorace collezionismo del mecenate americano Mitchell Wolfson Jr.: dipinti, sculture, mobili, arredi completi, vetri, ceramiche, ferri battuti, argenti, tessuti, progetti di architettura, grafica, manifesti e materiali pubblicitari, bozzetti e disegni, libri e riviste. La Wolfsoniana è il partner italiano della Wolfsonian - Florida International University, istituzione museale americana ospitata in un edificio della fine degli anni Venti, situato nell’Art Déco District di Miami Beach.

Galleria d'Arte Moderna - Villa Saluzzo Serra
Wolfsoniana

Informazioni per il turista

N.B. Qualora i musei ospitino delle mostre, i prezzi di ingresso sono suscettibili di variazioni.

La Card Musei di Genova
Permette di visitare 22 musei genovesi comunali, statali e privati. Nella versione musei + bus offre la libera circolazione sulla rete di trasporto urbano. Dà diritto all'ingresso scontato all'Acquario di Genova, Bigo, Città dei Bambini, Palazzo Ducale, Museo Luzzati, Parco Pallavicini di Pegli, Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure, Teatro Carlo Felice, Teatro Stabile di Genova, Teatro dell'Archivolto, Teatro della Tosse, Teatro Cargo.

Card MuseiPrezzo
24 ore*12,00 €
24 ore + bus*13,50 €
48 ore 16,00 €
48 ore + bus20,00 €
annuale35,00 €
annuale studenti25,00 €

*escluso l'ingresso al Galata Museo del Mare

Punti vendita Card Musei
Musei Civici, Bookshop Musei di Strada Nuova, Palazzo Ducale, chiosco GenovaInforma di Piazza Matteotti, Ligursind Via Balbi.

La Card è anche in vendita on-line
www.mentelocale.it
www.happyticket.it

Altre informazioni
Per maggiori informazioni è possibile contattare 
GenovaInforma - Piazza Matteotti, ore 09.30-20.00
telefono: 010 8687452
mail: genovainforma@solidarietalavoro.it.

 

Questo itinerario è stato realizzato a Settembre 2010


RivieraLigure.it consiglia:
Hotel San Biagio Hotel San Biagio
struttura moderna che unisce al comfort internazionale un'atmosfera accogliente
Sheraton Genova Hotel Sheraton Genova Hotel
'Hotel Sheraton di Genova è stato il primo "Airport hotel" in Italia.
Grand Hotel Savoia Grand Hotel Savoia
Grand Hotel Savoia è un meraviglioso albergo 5 stelle nel cuore di Genova
Hotel Iris Hotel Iris
nella caratteristica insenatura di Quarto dei Mille, a pochi passi dal mare

Link sponsorizzati

 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza