Loano: conferenza sui Doria e i Carmelitani

Tenuta dal professor Lauro Magnani

Loano: conferenza sui Doria e i Carmelitani
domenica 25 ottobre 2009

Un affresco della grandezza e dello splendore di Loano nel periodo in cui nascevano il Carmelo ed i grandi palazzi che ancora oggi possiamo ammirare nel centro storico cittadino: è stato questo il tema della bella e seguitissima conferenza tenuta dal professor Lauro Magnani nella sala delle conferenze del Convento del Monte Carmelo.

“Il professor Magnani- dice il sindaco di Loano Angelo Vaccarezza- ha delineato il rapporto fra la nascita dei grandi palazzi e la struttura sociale e politica dell’epoca, descrivendo la creazione di una architettura in cui palazzi, giardini e conventi esprimevano una armonica unità fra sacro e profano”.

La conferenza dal titolo: “Il Monte Carmelo, segno dinastico della famiglia Doria" è stata seguita da un folto pubblico di appassionati ed amanti della storia e dell’arte ed è stata organizzata nell’ambito dei festeggiamenti e delle celebrazioni per il IV centenario della fondazione del Convento. Dopo il saluto del Priore Padre Federico Barbieri, il carmelitano Padre Silvano Giordano, venuto appositamente da Roma, ha introdotto la conversazione, presentando il tema e il professor Magnani, docente alla Facoltà di Lettere e Filosofia a Genova.

“Ho ristretto la ricerca- ha detto Magnani- soprattutto sulla Liguria del ‘500 e del ‘600, delineando il rapporto fra la nascita dei grandi palazzi e la struttura sociale e politica dell’epoca, descrivendo la creazione di una architettura complessa in cui palazzi, giardini e conventi esprimevano una armonica unità fra il sacro e il profano, in una sintesi maestosa e ricca di elementi simbolici”. Magnani, che è un esperto degli archivi Doria – Pamphili, con l’aiuto delle immagini cartografiche del tempo, ha sottolineato i parallelismi fra le ville di Genova e la singolare architettura di Loano, di cui il Monte Carmelo è solo un tassello, seppur importante. “La progettazione del territorio – ha detto Magnani- era tesa a esprimere il proprio dominio, ma con quella solennità e bellezza in cui anche gli elementi del creato dovevano in qualche modo dare gloria al buon Dio, reso presente dai conventi dei religiosi: Agostiniani, Francescani, i Minimi di san Francesco da Paola,  i carmelitani e tanti altri”.

Lo studioso ha anche sottolineato come Andrea Doria e Andrea Secondo furono aiutati a pieno titolo in questa visione profondamente religiosa dalle rispettive consorti, Donna Zenobia e Giovanna Colonna, nipote dei Borromeo ed educata forse dallo stesso Calasanzio, fondatori degli Scolopi. “Le strutture di culto, i palazzi signorili e le strutture assistenziali – ha detto padre Silvano Giordano- esprimevano questa molteplice attenzione a Dio e al prossimo”.

Molto successo ha riscosso infine fra il pubblico l’analisi dei dipinti della chiesa in parallelo con l’arte e gli artisti del tempo, nella chiesa degli Agostiniani e nelle chiese genovesi.


Fonte: Claudio Almanzi



RivieraLigure.it consiglia:
Hotel Concordia Hotel Concordia
Vivi le tue vacanze in pieno centro a Loano
Hotel Excelsior Hotel Excelsior
Stupendo hotel con piscina e a pochi passi dal mare
Hotel Villa Lina Hotel Villa Lina
villa lina è un bellissimo hotel inserito tra gli edifici del centro storico.
Hotel Villa Mary Hotel Villa Mary
Villa Mary è Situato a pochi passi dal mare e dal Tennis Club.


Link sponsorizzati


 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza