Stemma di Pontinvrea

Pontinvrea

In provincia di Savona


 

Info Pontinvrea

Un altro Comune dell'area del Parco del Beigua è Pontinvrea. Situato tra Stella e Giusvalla, è parte, come le altre località di quest'area, della Comunità Montana del Giovo. Sorto forse sulle ceneri di un borgo distrutto nel lontano X secolo (come vuole una leggenda), fu chiamato "Ponte dei Prati" e fu sotto Pareto sino al 1606, quando fu ceduto dai Gonzaga agli Invrea di Genova e nel XVII secolo divenne proprietà degli Imperiali. Pontinvrea divenne Comune, per regio decreto di Carlo Alberto di Savoia, nel luglio 1846; apparteneva alla Provincia di Acqui. Passò in seguito sotto Genova e, dal 1927, appartiene a quella di Savona. Tra i suoi "figli illustri", il senatore Giuseppe Saredo. Resistono ancora i ruderi di Castel Delfino, una costruzione del XII secolo in località Carmine, che sorge nei pressi della Chiesa di N.S. del Carmine (del 1683, con gruppo ligneo della Patrona). Altre sei fortificazioni, queste di epoca napoleonica, si trovano a Giovo Ligure: di qui si può ammirare uno splendido panorama che abbraccia un area vastissima, dal mare al Monviso. Da vedere c'è il palazzo Marchionale, fatto costruire dal Doge Francesco Invrea subito dopo aver acquisito il paese dai Gonzaga, e che oggi è sede del municipio. Sempre seicentesca è la parrocchiale di San Lorenzo. Vi sono numerosi impianti sportivi, inoltre è possibile svolgere escursioni e visite guidate nel Parco del Beigua e lungo l'Alta Via dei Monti Liguri, anche a cavallo o in mountain bike. A Pontinvrea nasce il torrente Erro, affluente del fiume Bormida, dalle acque ancora limpide e pescose. Ma questo corso d'acqua ha una particolarità che ha reso famosa Pontinvrea: vi sono state ritrovate tracce d'oro. Nel 1997 si è svolta la prima gara di ricerca dell'oro (per facilitare i concorrenti e aumentare il divertimento sono state gettate nell'Erro pagliuzze auree), una buona occasione per passare una giornata immaginando di setacciare le scure sabbie dello Yucon, come gli antichi cercatori d'oro del West americano o, almeno, come zio Paperone! Da Pontinvrea si può raggiungere GIUSVALLA, con il suo castello medioevale e la Chiesa di San Matteo (XVI secolo, con acquasantiera in marmo, statua lignea del Monteverdi e dipinti del Brusco), che fu compresa nella Marca Aleramica e poi passò sotto i Del Carretto, i Marchesi di Ponzone e i Monferrato fino all’annessione al Regno di Sardegna (1735). Oppure si può andare a MIOGLIA, per visitare la sua bella parrocchiale di S.Andrea (1630) con portale in pietra di arenaria (1701), materiale utilizzato anche per le colonne: in sacrestia altare ligneo di scuola lombardo-piemontese (‘500). O ancora verso SASSELLO e, più a levante, fino a URBE, antico possesso dell’Abbazia di Tiglieto (la prima cistercense in Italia, recentemente restaurata). L'intera area, lo ricordiamo, è estremamente interessante anche da un punto di vista gastronomico, specie per quanto riguarda i formaggi, i funghi, la selvaggina, le verdure, in una cucina che ha tutti i profumi e i sapori del bosco.

 

Altre informazioni sono disponibili sui siti: http://digilander.iol.it/pontinvrea www.alpidelmare.net www.cec.it www.comunitamontanagiovo.it www.inliguria.liguriainrete.it www.inforiviera.it www.liguriainrete.it www.liguriaplanet.com www.provincia.savona.it www.turismo.liguriainrete.it

Ultimi eventi a Pontinvrea

Mercati/mercatini a Pontinvrea

  • Alimentare, Merci varie (8 banchi)
    Dove: Piazza Indipendenza
    Quando: Domenica (orario: 08.00 / 13.30)
    Organizzatore: Comune tel. 019 705001 - fax 019 705269 - pontinvrea@libero.it

Visualizza mappa più grande
Link sponsorizzati
Foto di Pontinvrea

 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza