Sagra du Michettin

Tavaroli in mostra a Sangiorgiofotografia

sabato 11 luglio 2009

Fra le numerose iniziative, che verranno organizzate nell'ambito della tradizionale "Sagra du Michettin" ( in programma dal 21 al 26 luglio) vanno segnalate tre mostre fotografiche: si tratta della Collettiva-concorso di foto digitali, della collettiva "Borghi di Liguria" e della personale, che quest'anno sarà dedicata a Paolo Tavaroli, insegnante all'Istituto alberghiero di Alassio e da otto anni direttore artistico di Sangiorgiofotografia.

La mostra-concorso, giunta al 14esimoi anno di vita, ha visto la vittoria o la partecipazione di nomi prestigiosi come Elda Ballarè, Giorgio Paparella, Laura Della Valle, Alessando Frione, Luca Mana, Bruno Madeddu, Piero Quarone, Luciano Rosso, Bruno Testi, Emanuele Zuffo, Marco Zurla; ed ogni anno serve a scoprire, o lanciare nuovi talenti.

Sulla personale di Tavaroli sentiamo il parere del giornalista e critico d'arte Adalberto Guzzinati: "Il ritratto in fotografia è il tema di più alto profilo e il più  popolare al tempo stesso. Paolo Tavaroli, per la sua  personale, si è cimentato in questo difficile genere, ritraendo sessanta Ingauni per nascita, per destino, o per caso. Nelle sue foto, in maggioranza a colori, si percepisce l'empatia con il soggetto e, in qualche caso, la lunga caccia per ritrarlo e cogliere la perfezione di un momento irripetibile".

Le immagini, che saranno in mostra a S.Giorgio, presso le opere parrocchiali di San Giorgio, nel periodo di svolgimento della Sagra du  Michettin, lasciano trasparire l'intenzione dell'autore di scrivere con la luce una "geografia umana" della sua città, un'opera che continuerà certo anche dopo la manifestazione. Del resto l'intento didascalico di Sangiorgiofotografia è dichiarato da una frase di Lèo Ferré che campeggia tra i pannelli espositivi, che porrà al visitatore una domanda che dopo la visita diverrà retorica: "Se il fenomeno della riflessione non esistesse, né esistesse l'acqua chiara  né la fotografia e tutti i suoi derivati; se quindi non avessimo alcun mezzo per "vederci", per "guardarci", potremmo contare  sull'altro, sull'estraneo, per farci dire come siamo fatti, per farci descrivere il nostro viso, i nostri sguardi ?". In mostra 60 ritratti di " Ingauni": " Avrei potuto esporre altrettanti soggetti- dice Paolo Tavaroli- ma il limite logistico ci ha imposto di collocarne in mostra solo 60. Ho voluto fare una specie di ritratto della mia città attraverso i visi noti, o meno noti, di questi miei cari concittadini".




Fonte: Claudio Almanzi



RivieraLigure.it consiglia:
Casavacanze Albenga Casavacanze Albenga
Nel centro storico di Albenga, trilocale arredato affacciato sui pini
Softimax - Tecnologie Informatiche Softimax - Tecnologie Informatiche
L'informatica al tuo servizio
Camping Ali babà Camping Ali babà
Il parco vacanze Ali babà è posto ideale per la vacanza di tutta la famiglia
Torre Pernice Torre Pernice
Nel centro della piana di Albenga si estende su una superficie di 11 ettari


Link sponsorizzati


 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza