Palio delle Compagne - Finale Ligure

Il programma della manifestazione

XIII Palio delle Compagne - Finale Ligure
giovedì 24 giugno 2010

Domenica 27 giugno, venerdì 23 e sabato 24 luglio.
Ad aprire la grande "FESTA DEL MARCHESATO", il contenitore che racchiude e identifica tutti gli spettacoli organizzati dal Centro Storico del Finale che si protrarrà sino a settembre, sarà il “XXIII PALIO DELLE COMPÀGNE”. Teatro del Palio sarà la piazza Vittorio Emanuele II che si trova nel cuore di Finale Ligure (SV). La piazza, recentemente ristrutturata, verrà trasformata in un suggestivo accampamento medievale. Una maestosa scenografia ospiterà gli arcieri campioni di ogni rione e le squadre di sbandieratori che disputeranno la loro gara, oltre a numerosi altri spettacoli ai quali parteciperanno centinaia tra figuranti, musici e attori. Anche quest’anno, l'Associazione Centro Storico del Finale ha l’onore di collaborare con altre associazioni finalesi: il C.I.V. e la Compagnia di San Pietro di Marina, i Garosci di Pia e Varigotti Insieme di Varigotti.





Il programma

Domenica 27 giugno
BENEDIZIONE DEL PALIO DELLE COMPÀGNE
Domenica 27 giugno alle ore 21,00, nella piazza antistante la Basilica di San Giovanni Battista di Finalmarina, avrà luogo la benedizione del Palio. Una piccola rappresentanza del “Centro Storico del Finale”, dei “Garosci” di Pia, della “Compagnia di San Pietro” di Marina e di “Varigotti Insieme”, con i rispettivi arcieri campioni che si contenderanno il Palio venerdì 23 luglio, partirà dal Palazzo del Comune con un breve corteggio storico per giungere dinnanzi al Parroco della Basilica di Finalmarina, Don Giovanni Perata, che con una breve cerimonia darà la sua benedizione al vessillo, dipinto per l’occasione e donato alla città dalla pittrice ligure Erika Malanzani. Come avviene da secoli in tutte le prestigiose realtà italiane il Palio, anche in questa ventitreesima edizione della manifestazione, diverrà simbolo di unione e salvaguardia della tradizione di tutta la città di Finale Ligure. Per l’occasione, il Centro Storico del Finale darà luogo alla celebrazione della storica offerta del Cero Propiziatorio alla Basilica, rievocando un’antica tradizione medievale come segno di gratitudine e di buon auspicio in nome di tutto il popolo finalese.
Il XXIII Palio delle Compàgne proseguirà venerdì 23 luglio con il Torneo degli Arcieri e sabato 24 luglio con il Trofeo Sbandieratori.
La manifestazione è patrocinata: dal Comune di Finale Ligure, dalla Federazione Italiana Giochi Storici, dalla Confèderation Europèènne des Fetes e Manifestations Historiques e dalla Consulta Ligure per la Difesa delle Arti e Tradizioni.

Venerdì 23 luglio
XXIII PALIO DELLE COMPÀGNE
Dopo il Corteggio Storico per le vie cittadine, la piazza Vittorio Emanuele II, alle ore 21.30, diventerà la splendida cornice nella quale si disputerà l'avvincente gara tra Arcieri campioni di ogni Rione, l'ormai consolidata giostra di tiro con l'arco antico che condurrà all'assegnazione del PALIO DELLE COMPÀGNE. Durante l’anno tutti i rioni hanno accuratamente selezionato i loro campioni da far giungere nella piazza per la disputa. Il Rione Varigotti, detentore del Palio, con i colori rosso-blu e coordinato dall’Associazione “Varigotti Insieme” cercherà di difendere il titolo con i suoi campioni Marco Zanella e Daniele Oddone della Compagnia Arcieri del Finale di Finale Ligure, contro le frecce giallo-rosso del Rione Borgo coordinato dalla “Compagnia Arcieri della Torre dei Diamanti” con i campioni Roberto Mastrapasqua e Claudio Peretti, di quelle bianco-azzurro del Rione Pia coordinato l’Ass.ne “I Garosci” che ha selezionato i campioni Ivano Gatti e Daniele Bellezza della Compagnia Pope & Young di Garlasco (PV) e da quelle bianco-nero del Rione Marina coordinato dalla “Compagnia di San Pietro” con i campioni Fabrizio Sena e Maurizio Sperandio del Team Archery di Venegono (VA). Gli Arcieri Campioni, portando i colori dei loro Rioni, saranno pronti a cimentarsi in tiri difficili, particolari e spettacolari sotto la supervisione e l’incontrastato giudizio del Maestro di Campo e si batteranno per conquistare il prestigioso Palio, quest’anno dipinto per l’occasione dall’artista ligure Erika Malanzani. Lo spettacolo continuerà con LA GUERRA DEL FINALE messa in scena, in quattro quadri teatrali, delle gloriose vicende di Giovanni del Carretto, illuminato Marchese del Finale, coraggioso condottiero e abile diplomatico. Si rivivranno, assieme agli uomini d'armi, nobili, dame, giocolieri e ai popolani finalesi del XV secolo, le vicende narrate dal cronista storico Gian Mario Filelfo ne “La Guerra del Finale”, (guerra tra Genova e Finale 1447 – 1452), edita dall’Ass.ne “Centro Storico del Finale”.
Inoltre, per ampliare ancora di più il ricco panorama del Palio, alle ore 19.00, si disputerà la REGATA DELLE COMPÀGNE: gara tra rematori formata da 4 gozzi che si sfideranno in un tratto di specchio di mare finalese. Gli equipaggi, formati da quattro vogatori e un timoniere, partendo dal molo di Finalpia si fronteggeranno e difenderanno i colori dei loro rioni fino a tagliare il traguardo nei pressi della spiaggia del Rione dei Bianchi. L’equipaggio vincitore sarà invitato a ricevere tutti gli onori, al cospetto del Marchese del Carretto e della sua corte, durante la serata di sabato 24 luglio.

CENNI STORICI
La rievocazione che presentiamo vuole ricordare le feste indette nel lontano 1452, nel giorno di Santa Caterina, dal Marchese Giovanni per celebrare la ricostruzione delle case e delle mura del Borgo. Siamo alla metà del XV secolo. Il Marchesato era una spina piantata nel cuore della Repubblica Genovese, ne divideva il territorio, interrompendone le comunicazioni terrestri ed insidiandone il monopolio commerciale sulla costa ligure. La Repubblica, mediante le convenzioni del 1292, del 1340 e del 1385, aveva cercato di costringere i Del Carretto a riconoscere il dominio della Superba (così era nominata la Repubblica di Genova) su Finale, ma i Marchesi, forti della investiture avute nel passato, si riconoscevano indipendenti e sudditi esclusivamente dell'Impero. Nel 1447 era Signore del Finale il Marchese Galeotto Del Carretto, che già nel 1421 e nel 1436 aveva combattuto contro la Repubblica, mentre Genova era nelle mani della Famiglia Fregoso. Il 4 dicembre 1447 i genovesi dichiarano di nuovo guerra a Galeotto adducendo come motivo l'ospitalità concessa dal Marchese alla famiglia degli Adorno (precedentemente Dogi di Genova), all'epoca caduti in disgrazia e esiliati. La guerra dopo poco più di un anno volse a favore dei genovesi, che presero Castel Govone col tradimento (8 febbraio 1449) e successivamente, il Borgo, mentre Galeotto cercava aiuti in Francia, dove trovava la morte al servizio di Re Carlo VII. Il di lui fratello, Giovanni, ottimo condottiero, riuscì in un solo giorno (20 dicembre 1450) a riconquistare il Finale ai genovesi e, da freddo calcolatore ed abile diplomatico quale era, riuscì (Genova era economicamente in difficoltà per il costo dell'esercito) a concludere la pace il 7 agosto 1451, ratificata a Finale il 12 agosto dello stesso anno. La volontà del Marchese e del popolo completavano intanto, in brevissimo tempo, la ricostruzione del Borgo raso al suolo dai genovesi. Nel 1448 il Marchese Giovanni decise di muovere guerra contro Genova (approfittando delle crisi interne della Repubblica) per riconquistare le terre del marchesato ancora in mano genovese. Riconquistando in breve tutta la riviera di ponente, fino alla valle di Stellanello e Pieve di Teco, esclusa la fascia litoranea, fece sì che questa guerra si concludesse con notevoli vantaggi per il marchesato. Complessivamente dal 1447 al 1459 si combatterono ben tre guerre tra la Repubblica ed il Marchesato e, mentre Genova cadeva sotto la dominazione straniera, il Marchesato ne usciva più potente di prima, garantendosi un secolo di benessere e prosperità. Il Marchese Giovanni I Del Carretto morì all'inizio del 1471, lasciando la giovane moglie Biscontina Adorno reggente per i suoi figli, tutti ancora minorenni.

Sabato 24 luglio
XVII VESSILLO DEL MARCHESATO
Il Trofeo Sbandieratori è una competizione particolare, infatti, la formula adottata predilige la spettacolarità senza dare vincoli alla fantasia dei partecipanti. L'assegnazione del Trofeo consiste nel mettere a confronto quattro gruppi, scelti tra i migliori in Italia, con il compito di entusiasmare una giuria popolare, scelta tra il pubblico, della prova eseguita. I campioni in carica, gli Sbandieratori e Musici Città di Amelia (TR), rimetteranno in gioco l'ambito Vessillo del Marchesato, affrontando altri tre agguerriti e decorati gruppi: il Gruppo Sbandieratori Città di L’Aquila, gli Sbandieratori del Gruppo Storico di Fivizzano (MS) e l’Associazione Sbandieratori e Musici Maestà della Battaglia di Quattro Castella (RE). Prima dell’inizio della competizione, tramite sorteggio, ad ogni gruppo di Sbandieratori sarà abbinato uno dei quattro Rioni, questo perché in caso di parità, i punti  verranno sommati a quelli ottenuti dalla Compàgna di Arcieri abbinata. In caso di ulteriore pareggio ogni Capitano degli Sbandieratori provvederà al lancio della bandiera, in questo caso, il drappo che raggiungerà la distanza maggiore vincerà il Torneo. La scenografia medievale che invaderà Piazza Vittorio Emanuele II contribuirà ad accrescere la particolarità dell’evento. Nel pomeriggio i quattro gruppi si esibiranno nei rioni Finalesi e alle 20.30, partendo dal rione Borgo e animando un colorato e festoso corteo di bandiere giungeranno nella piazza, per dare inizio alla gara alle ore 21.30.

La FESTA DEL MARCHESATO è il contenitore che racchiude e identifica tutti gli spettacoli organizzati dal Centro Storico del Finale. L’evento, che si protrarrà sino a settembre, vanta una notorietà che va ben oltre i confini regionali e nazionali. Le manifestazioni della Festa del Marchesato sono patrocinate: dalla Regione Liguria – Assessorato allo Sport e Tempo Libero, dalla Provincia di Savona, dalla Città di Finale Ligure, dalla Federazione Italiana Giochi Storici, dalla Confèderation Europèènne des Fetes e Manifestations Historiques e dalla Consulta Ligure per la Difesa delle Arti e Tradizioni. 

La FESTA DEL MARCHESATO proseguirà venerdì 30 luglio,  venerdì 6 –13 – 27  agosto e venerdì 3 settembre con  LE STORIE AL CHIARO DI LUNA – Passeggiate notturne al Castel Gavone e alla Fortezza di San Giovanni con spettacoli e animazione e  giovedì 19, venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 agosto con  VIAGGIO NEL MEDIOEVO – Grande evento medievale in collaborazione con la Compagnia Portoghese VIV’ARTE che si svolgerà nel centro storico di Finalborgo.

Per informazioni:
019 690112
019 692313
www.centrostoricofinale.it
info@centrostoricofinale.it 

Palio delle compagne - sbandieratori Palio delle compagne - arciere Palio delle compagne - corte


RivieraLigure.it consiglia:
Camping Tahiti Camping Tahiti
Il camping Tahiti si trova a seicento metri dal mare, vicino ad ogni comodita', caratterizzato da una grande varieta' di vegetazione
Agriturismo Valleponci Agriturismo Valleponci
A soli 10 minuti dal mare, a pochi passi dalle più belle falesie di Finale, un agriturismo con ristorante affacciato sui prati, dove gustare la migliore cucina ligure e i vini doc e igt prodotti in azienda.
Hotel Rosita Hotel Rosita
Sulla collina delle Manie in posizione invidiabile, clima gradevole e un incantevole panorama
Punta Est Punta Est
Punta Est è un magnifico hotel sul mare,con una grotta al suo intero


Link sponsorizzati


 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza