Pietro De Maria si esibisce a Santa Margherita Ligure

Grande evento musicale venerdì 9 settembre

Pietro De Maria
martedì 6 settembre 2011

Sarà davvero un evento straordinario quello di venerdì prossimo a Santa Margherita (Villa Durazzo ore 21): avere un artista che si esibisce nei più grandi e importanti teatri del mondo è un grande risultato per gli organizzatori del Comune e del Gruppo Promozione Musicale (che cura l’evento).

De Maria è ormai riconosciuto dalla critica una delle stelle più fulgide del nostro firmamento pianistico: "Un poeta del suono e un mago della tastiera .. Un artista meraviglioso… Una sensibilità, un gusto, una musicalità che incatenano l’ascoltatore dalla prima all’ultima notaUn vero virtuoso, nel senso che ha le risorse pianistiche per fare qualunque cosa voglia, senza esibire la sua tecnica…senza dare di più laddove non occorre, e senza lesinare laddove è il caso di buttarsi anima e corpo”.

La prima parte del concerto vede in programma una selezione di sei delle circa 600 Sonate di Domenico Scarlatti (1685-1757): sonate brevi, in un unico tempo, tutte di carattere brillante; De Maria ne ha sempre saputo dare un’interpretazione fedele all’originaria concezione clavicembailista, pur trasportate su uno strumento moderno, mettendo in luce la ricerca espressiva e timbrica che fu nelle intenzioni dell’autore. A Scarlatti seguirà la Sonata in Fa diesis minore op. 25 n. 5 di Muzio Clementi (1752-1832), altro grande italiano, definito “padre del pianoforte” perché fu uno dei primi a rendersi conto delle enormi potenzialità di questo strumento e a dedicargli un serio lavoro metodologico, per il quale è particolarmente conosciuto in Italia; il fatto che non sia quasi ricordato per altro, nel nostro paese, è la conferma del sempre valido “nemo propheta in patria”: le sue sonate, in particolare le ultime, non hanno infatti nulla da invidiare a quelle contemporanee di Haydn e Mozart ed è possibile trovarvi tanti elementi poi ampiamente sviluppati nel Beethoven maturo, come si può vedere proprio nella bellissima sonata in Fa diesis minore.

La seconda parte del concerto sarà interamente dedicata a Chopin (1810-1849), l’autore per eccellenza delle composizioni per pianoforte, il “poeta della tastiera”: siamo in pieno Romanticismo e il pianoforte è ormai strumento maturo e duttile alle intenzioni del compositore.

Di Chopin De Maria suonerà le composizioni forse più famose, le 4 Ballate: esse costituirono una novità assoluta nella storia della musica; non hanno infatti niente a che fare con le ballate medievali, e furono semmai ispirate a quelle letterarie del poeta polacco Mickiewicz; Chopin crea una forma ampia, adattata alle sue necessità espressive, costruita spesso su scontri tra il versante sognante e quello drammatico della sua personalità, in una indecifrabile mescolanza di forme, in una costante invenzione tematica, senza pari nel repertorio chopiniano. La scelta di De Maria non è casuale: infatti egli è il primo pianista italiano ad aver eseguito in pubblico l’integrale delle opere di Chopin, integrale registrata per la DECCA (in 7 CD), accolta con straordinario entusiasmo dalla critica: “… questi sono fra i migliori CD chopiniani in assoluto, ben superiori a registrazioni di quasi tutti i più celebri nomi in catalogo.” (Bryce Morrison, International Piano); “…magnifica maestria digitale e del cantabile assieme a una coerenza di pensiero che è il segno dei grandi chopiniani.” (Etienne Moreau, Diapason). L’integrale ha ricevuto importanti riconoscimenti dalla critica internazionale, tra cui le 5 stelle di Diapason, di International Piano e di Amadeus. Nel 2010, anno del bicentenario della nascita del compositore polacco, Pietro De Maria è stato invitato a suonare Chopin nelle più importanti sedi internazionali, come Berlino, Parigi, Varsavia, Zurigo, Roma, Festival di Nohant, Pechino e Singapore.

Nato a Venezia nel 1967, De Maria ha dimostrato un precoce talento che lo ha portato, appena tredicenne, a vincere il Primo Premio al Concorso Internazionale Alfred Cortot di Milano. Si è diplomato sotto la guida di Gino Gorini al Conservatorio della sua città, perfezionandosi successivamente con Maria Tipo al Conservatorio di Ginevra, dove ha conseguito nel 1988 il Premier Prix de Virtuosité con distinzione. Dopo aver vinto il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, Pietro De Maria ha ricevuto il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani - Teatro alla Scala di Milano (1990) e al Géza Anda di Zurigo (1994). Svolge un'intensa attività concertistica come solista con prestigiose orchestre e con direttori famosi. Il suo repertorio spazia da Bach a Ligeti. Oltre ai cd su Chopin, ha inciso le tre Sonate op. 40 di Clementi per l’etichetta Naxos, un recital registrato dal vivo al Miami International Piano Festival per la VAI Audio e l’integrale delle opere di Beethoven per violoncello e pianoforte con Enrico Dindo per la Decca. Pietro De Maria insegna alla Scuola di Musica di Fiesole e all’International Engadin Summer Piano Academy che si tiene in Svizzera ogni due anni.

L’ingresso al concerto è gratuito.

INFO: 0185771159 - 0185770703 - 338 6026821 - WEB: www.gpmusica.info



Fonte: Silvia Bonuccelli



RivieraLigure.it consiglia:
Lido Palace Hotel Lido Palace Hotel
In uno storico edificio liberty in riva al mare di Santa Margherita Ligure


Link sponsorizzati


 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza