Festival dei Fiori

L'edizione 2010 dal 12 al 15 marzo alla Reggia di Venaria Reale

Festival dei Fiori
giovedì 4 febbraio 2010

Il Premio Qualità Sanremo Fiori è tradizionalmente rivolto alla valorizzazione della floricoltura ligure, con un’esposizione e un concorso tecnico aperti a tutti i floricoltori. Una giuria di esperti del settore valuta e vota i migliori prodotti coltivati in Liguria, relativi alle sette categorie nelle quali è stato suddiviso il  concorso. Le categorie alle quali potranno essere iscritti i prodotti sono: fiori recisi, fronde verdi, fronde fiorite, fronde con bacche, foglie, fiori e fronde colorati artificialmente, fiori e fronde stabilizzati. All’interno di ciascuna categoria verranno individuate ulteriori suddivisioni per gruppi omogenei rappresentati da singole specie o specie affini. Saranno oggetto del concorso le caratteristiche e le singole specificità di ogni prodotto conferito a campione, rigorosamente posto all’interno di due confezioni distinte: una con un numero di 5 steli destinata alla valutazione della giuria, l’altra, destinata all’esposizione, dovrà contenere un numero di steli che sarà comunicato al momento dell’iscrizione. Gli standard qualitativi richiesti sono pari a quelli vigenti a livello comunitario (Regolamento – CEE – n. 234/68) e sul Mercato dei Fiori.

Per tutte le informazioni sulle modalità di partecipazione al concorso, rivolgersi a:
UcFlor – Mercato dei Fiori di Sanremo
Tel. +39.0184.51.71.11

Festival dei fiori 2010

Il Festival dei Fiori, la più importante vetrina italiana della composizione floreale, torna per il quarto anno consecutivo e si trasforma in un vero e proprio evento “principesco”: da venerdì 12 a lunedì 15 marzo 2010 infatti, il Festival lascia la città natale, Sanremo, e trasloca nella sontuosa residenza estiva di Casa Savoia, la piemontese Reggia di Venaria Reale. Tra banchetti, balli di corte e altre regali sorprese, la manifestazione vedrà coinvolti i flower designer e la migliore produzione floricola invernale della Riviera dei Fiori, che sarà accolta nelle sale della Reggia come si confà a un’ospite di grande lignaggio.

L’arte di trasformare le emozioni attraverso la disposizione dei fiori, unendo manualità, conoscenza dei materiali e stile per creare un’opera d’arte unica, torna ad animare uno spettacolo floreale che viene confermato quest’anno della durata di quattro giorni, in modo da ospitare adeguatamente tutti gli eventi previsti. Accanto agli show e alle esibizioni previste nel programma, la novità di quest’anno riguarda l’allestimento di un secondo palcoscenico dedicato alle esibizioni a ciclo continuo: i maestri fioristi del Sanremo Italian Style, delle Scuole d’Arte Floreale e i concorrenti dei concorsi Bouquet Sanremo e Bouquet Sanremo Young si esibiranno senza sosta durante la kermesse, alternandosi sul palcoscenico senza soluzione di continuità. I visitatori potranno quindi ammirare le composizioni e i bouquet realizzati al termine di ogni gara e, in tempo reale, quelle realizzate durante gli show a ciclo continuo. Spazio anche alla produzione, con l’esposizione in vetrina dei prodotti floricoli d’eccellenza provenienti da Sanremo e della Riviera dei Fiori.

Il Festival si aprirà ufficialmente venerdì 12 marzo: dopo l’inaugurazione mattutina, il pomeriggio sarà interamente dedicato alle selezioni per il “Concorso Bouquet Sanremo”, al termine del quale verranno proclamati i 12 concorrenti che potranno così accedere alla gara finale. Nella serata “Gran banchetto di corte”, evento riservato e a invito in cui la cucina ligure si unisce alla cucina piemontese. Sabato 13 marzo la kermesse proseguirà la mattina con uno dei momenti più attesi: il work shop con il flower designer belga Geert Pattyn che si esibirà realizzando composizioni originali e creative con particolari tecniche di elaborazione floreale (appuntamento gratuito riservato ai fioristi, previa registrazione sul sito www.festivaldeifiori.it). Nel pomeriggio di sabato “Concorso Bouquet Sanremo Young”, con i flower designer under 30 che si esibiranno dando vita a un vero e proprio spettacolo di composizione floreale con la creazione di bouquet eleganti, originali e innovativi. A conclusione premiazione. Sabato sera “Ballo di Cenerentola” - gran ballo delle debuttanti e concerto di corte con le coreografie della famosa Maître de Ballet Maria Beatrice Belluschi (scuola di danza “Balletto di Torino”) e con le musiche e i cori a cura dell'Orchestra giovanile “I Music Piemonteis”: saranno 20 le ragazze del Liceo Sacra Famiglia di Torino che faranno il loro debutto in società, accompagnate dagli Ufficiali della Scuola di Applicazione Militare di Torino.

Domenica 14 marzo mattina dedicata alla dimostrazione di composizione floreale del belga Pattyn e nel pomeriggio la finale del “Concorso Bouquet Sanremo”, un’opportunità importante per assicurarsi visibilità internazionale durante la kermesse canora della 61esima edizione del Festival della Canzone Italiana (ed.2011); al termine la premiazione del concorso. Lunedì 15 marzo mattinata nuovamente dedicata alla dimostrazione di composizione floreale: sul palco il francese Gilles Pothier, che creerà bellissime composizioni utilizzando fiori recisi e fronde ornamentali del Ponente Ligure. Nel pomeriggio esibizione del gruppo del “Sanremo Italian Style” e delle “Scuole di Arte Floreale” partecipanti al concorso e provenienti da tutto il mondo.

Durante il “Festival dei Fiori” le esibizioni si svolgeranno su due palchi appositamente allestiti, uno grande e principale, dove si terranno le gare e le dimostrazioni più importanti, e un altro su cui si esibiranno a ciclo continuo tutti i flower designer intervenuti (“Sanremo Italian Style” e “Scuole di Arte Floreale”, concorrenti dei concorsi Bouquet Sanremo e Bouquet Sanremo Young), dall'apertura fino alla chiusura. Tutti i bouquet realizzati durante la manifestazione potranno essere acquistati con un’offerta libera a partire da € 10,00. Il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza alla Fondazione La Stampa - Specchio dei Tempi ONLUS in aiuto dei bambini di Haiti. Il Festival dei Fiori non poteva che cogliere l’invito della Venaria Reale realizzando l’edizione 2010 in una location suggestiva, sicura fonte di ispirazione per i migliori artisti del flower design mondiale, che per questa edizione lavoreranno sul tema: “La vita di corte nei palazzi reali del XVII e XVIII secolo”. Per il visitatore sarà quindi un viaggio nell’arte della composizione, della valorizzazione della morbidezza e della flessibilità del materiale vegetale della Riviera dei Fiori, un viaggio floReale nel profumo e nella luminosità mediterranea in una delle più belle dimore reali. Il Festival dei Fiori 2010 incanterà immergendo il visitatore nell'essenza della regalità, coniugando lo splendore della location, i colori delle più belle corti reali del mondo con quelli della vivace produzione invernale della Riviera.

Reggia di Venaria Reale – Torino

La Reggia di Venaria, così chiamata dall’allora duca Carlo Emanuele II che le diede questo nome perché riteneva che quella fosse una zona in cui si sarebbe potuto praticare la caccia secondo lo stile dei re, è immersa in un contesto ambientale e architettonico di assoluto fascino e splendore. La costruzione della residenza estiva dei Savoia fu iniziata nel Seicento per volere dello stesso Duca Carlo Emanuele II su progetto di A. Castellamonte, e successivamente trasformata in sontuosa dimora da M. Garove, F. Juvarra e B. Alfieri. Caccia, feste e rituali di corte testimoniavano la gloria di una famiglia ancora Ducale che si sarebbe presto affermata come Reale. Qui si allevavano numerose mandrie di stalloni e di puledre, per ottenere cavalli per le fatiche di guerra, vere e simulate. Ma la residenza era anche teatro di vanità: il “grand ballet” e il “ballet des dames” offrivano a nobildonne e gentiluomini l’occasione di mettersi in mostra. Il castello di Venaria è uno spazio immenso e suggestivo, che incanta e coinvolge il visitatore in atmosfere magiche, raccolte in un contesto di attrazioni culturali e di loisir molteplici. Il complesso della Reggia di Venaria è costituito da: la Reggia, i Giardini, il Borgo Antico e le Scuderie Juvarriane. Recentemente restaurati, a ospitare il Festival dei Fiori sono gli spazi espositivi della Citroniera (l’antica serra creata per il ricovero degli agrumi) e Scuderia Grande, opere di grande pregio architettonico realizzate dal 1722 al 1727 da Filippo Juvarra. Con 5.000 metri quadri totali di superficie, oltre 140 metri di lunghezza per quasi 15 di larghezza ed altrettanti di altezza ognuna, rappresentano il polo culturale del complesso della Reggia di Venaria.
La Scuderia Grande poteva contenere 160 cavalli: dei box lignei -oggi scomparsi- restano i precisi disegni realizzati dai mastri minusieri. Le amplissime dimensioni di questo ambiente, maggiori di qualsiasi altra scuderia di residenza reale presente in Piemonte, rivelano non solo l'importanza del cavallo nella grande coreografia delle cacce reali, ma anche l'ambizione della committenza. La Citroniera, invece, usata per riporre d'inverno le piante d'agrumi ornamentali, emerge come quinta scenografica del Giardino a Fiori e il suo ingresso principale s’attesta su uno dei viali più lunghi: l’Allea Reale. All'interno appare come un’enorme serra, con finestre aperte verso Sud, per ottenere il massimo sole.

“Show di Composizione Floreale”

Attesissimi gli Show dei fuoriclasse del floral design: il belga Geert Pattyn e il francese Gilles Pothier, che si cimenteranno nella realizzazione di preziose composizioni utilizzando particolari tecniche di elaborazione floreale utilizzando la vasta gamma di fiori e fronde della Riviera ligure. Gli show di composizione floreale si terranno domenica 14 (Geert Pattyn) e lunedì 15 marzo (Gilles Pothier), con inizio alle ore 10.00.

Gilles Pothier è molto affermato nel suo paese ed è senza dubbio il più importante flower designer francese di fama internazionale, oltre che un vero “self-made man”. Il suo negozio Avenue Raymond Poincarré a Parigi è pieno di fiori meravigliosi, e non è strano vederglieli sistemare di persona nel dehors del negozio sulla strada. Quando non gira il mondo per dimostrazioni floreali, il Maître Fleuriste lavora e vive nel cuore di Parigi dove decora con la sua arte i più rinomati interni parigini. Infatti, che sia un salone lussuoso, un’abitazione privata ammobiliata con mobili antichi o spazi minimalisti, le creazioni vegetali e floreali di Gilles Pothier sono sempre in perfetta armonia con l’ambiente circostante. Ogni spazio è una nuova sfida per l’artista, che è sempre stato affascinato da architettura e design. Nel 1986 ha vinto il titolo di Campione di Francia, nel 1989 si è classificato al primo posto alla Coppa Europea a Parigi e ha ricevuto il primo premio per il “Best Art and Table”. Nel 1994 ha ricevuto l’ambito premio di Migliore Artigiano Fiorista in Francia. Dal 1997 è diventato Campione del Mondo, restando in carica fino al 2002. È anche stato uno dei membri della giuria durante l’ultima Coppa del Mondo Interflora svoltasi in Australia, e giudice per il Stichting Kunstboek International Annual of Floral Art 2005/2006. Gilles Pothier è molto fiero di essere francese ed è un appassionato tifoso della squadra nazionale di rugby – sebbene confessi maliziosamente che gli piace anche recarsi in Scozia per assistere alle partite internazionali. Pothier ha un difetto, non parla nemmeno una parola d’inglese! Non importa…Gilles si fa sempre capire.. parla il linguaggio dei fiori!

Geert Pattyn, è uno dei più famosi flower designer belga, di fama internazionale, con un’esperienza  ventennale e uno stile personale molto naturale. Se la sua base di lavoro è nell’atelier a Geluwe in Belgio, in realtà la sua attività lo vede impegnato in molti workshop e dimostrazioni floreali internazionali, oltre alla collaborazione costante con la rivista Fleur Creatif, con la quale trasmette il suo “savoir-faire” e la sua passione per le bellezze della natura. Lo stile di Geert Pattyn viene definito “puro, semplice e naturale”, e per sua stessa ammissione il belga è amante della varietà: “Non solo la varietà in ogni cosa che faccio. Trovo il cambio di stagione un evento veramente meraviglioso. In autunno, lavoro con molti rami e frutti. In primavera, non vedo l’ora che arrivino boccioli e rami primaverili fioriti. I miei clienti, con i quali ho un legame molto forte, sanno che preferisco lavorare con materiale stagionale”. Una filosofia che si sposa felicemente con le produzioni della Riviera dei Fiori. L’artista ha anche pubblicato cinque libri e un calendario che racchiudono il suo talento, oltre ad aver partecipato a Masters of Floral Art, The Floral Annual e “Longlasting Beauty”, un libro dedicato ai fiori stabilizzati.

Concorso “Bouquet Sanremo®”

Con i fiori provenienti dalla capitale italiana della musica leggera, è inevitabile che un doppio filo vada a legare il Festival dei Fiori a quello della Canzone: i migliori flower designer italiani (ma non solo) si sfideranno nell’arte dell’addobbo floreale, con l’obiettivo di vincere il prestigioso concorso "Bouquet Sanremo", atteso da tutti gli operatori del settore e dalle migliaia di curiosi che ogni anno accorrono per l’occasione. Un’opportunità importante per assicurarsi visibilità internazionale durante la kermesse canora della 61esima edizione del Festival della Canzone Italiana. Il vincitore del “Bouquet Sanremo” avrà infatti l’onore di essere l’unico ideatore e realizzatore dei bouquet offerti sul palco del Teatro Ariston agli ospiti illustri del prossimo Festival di Sanremo, nel 2011. Il concorso si svolgerà quest’anno su due fasi: una di preselezione e la fase finale. Nella fase di preselezione, che si terrà nel pomeriggio di venerdì 12 marzo, i fioristi metteranno alla prova creatività e adattabilità, creando due diversi bouquet realizzati con tema e materiale vegetale a sorpresa, ma sempre di esclusiva. I primi 12 classificati delle preselezioni parteciperanno insieme al giovane vincitore del provenienza ligure concorso Bouquet Sanremo Young alla fase finale, che si svolgerà nella mattinata di domenica 14 marzo. I fioristi saranno chiamati a realizzare tre bouquet su temi di grande impatto evocativo: il primo tema sarà “Madame Pompadour”, il secondo “Giacomo Casanova” e il terzo “Ammiraglio Horatio Nelson”. Tutti i concorrenti realizzeranno i bouquet davanti al pubblico, con un tempo limite di 4o minuti per portare a termine ogni bouquet. Sarà quindi una commissione di esperti, provenienti da tutta Europa, a valutare i bouquet e a proclamare il vincitore del Concorso “Bouquet Sanremo” 2010, che rileverà lo scettro detenuto dalla tedesca Caroline Bohnert, regina del concorso Bouquet Sanremo 2009.

• Simona Aloisio
• Emiliano Amadei
• Simone Bertini
• Elena Bindi
• Elio Boccia
• Mario Decorato
• Mario Didio
• Mauro Garelli
• Sandro Gesso
• Paolo Infortuna
• Oxana Karataena
• Cinzia Manca
• Claudia Mirabella
• Mihaela Odvorcic
• Rosetta Patitucci
• Sabino Piazzolla
• Luca Pozzi
• Giuseppina Rega
• Paolo Ronchi
• Daniela Rovere
• Svetlana Shikova
• Federico Vassilli
• Maria Letizia Zambelli
• David Zonta
• Raimondo Caci (in qualità di vincitore del concorso Bouquet Sanremo Young 2009 accede di diritto alla fase finale del concorso Bouquet Sanremo).

Elenco dei concorrenti:

I concorrenti si esibiscono direttamente davanti al pubblico, ispirandosi al tema proposto e realizzando i bouquet per la gara. Alla fine di ogni prova, una commissione di esperti, provenienti da tutta Europa, valuta i lavori eseguiti nei 40 minuti a disposizione di ogni concorrente. Sarà una giuria internazionale di 5 giudici (4 stranieri e uno italiano) a valutare i concorrenti del "Bouquet Sanremo”.

Come nasce Bouquet Sanremo: nel 2010 si festeggia il 9° anniversario della nascita del Concorso Bouquet Sanremo. Già alla fine dell’Ottocento, durante la Belle Epoque, i visitatori della Riviera di Ponente amavano raccogliere, anche in inverno, i fiori e le foglie tipiche del rigoglioso territorio ligure. Nascevano così i primi bouquet di Sanremo, con cui spesso venivano omaggiati gli ospiti e che altrettanto frequentemente venivano spediti nelle fredde città del Nord Europa, per portare in quei luoghi lontani i profumi e i colori del Mediterraneo. A distanza di oltre cento anni, la tradizione continua e diventa mito: flower designer professionisti danno nuova vita ai fiori e alla produzione vegetale di Sanremo, con il proposito di trasmettere gli stessi romantici messaggi di un tempo.

“Bouquet Sanremo Young®”

Oltre al Concorso “Bouquet Sanremo“ è previsto anche, nella giornata di sabato 13 marzo, il concorso “Bouquet Sanremo Young” dedicato ai flower designer under 30, provenienti da tutta Europa, che si sono contraddistinti durante l’anno grazie ad un ottimo curriculum vitae professionale. Il vincitore del concorso partecipa di diritto al Concorso “Bouquet Sanremo” dell’anno successivo.

Elenco dei concorrenti:

• Giorgio Aloisio
• Riccardo Ciceri
• Marina Cuzzilla
• Carina Enger (Norvegia)
• Silvano Ferrero
• Ingrid Finstad Sand (Norvegia)
• Maria Gustafson (Svezia)
• Peter Halasz (Ungheria)
• Anja Jernejsek (Slovenia)
• Letizia Maestrani (Svizzera)
• Silvia Marchi
• Iren Mythe Marit (Norvegia)
• Miriam Mazzocchi
• Orazio Quartarone
• Manuel Salvo
• Sarah Skoglund (Norvegia)
• Diego Torres (Ecuador)

Il concorso prevede due prove a tema. I concorrenti si esibiscono direttamente davanti al pubblico realizzando composizioni sul tema assegnato e realizzando il bouquet per la gara. Alla fine di ogni prova, della durata di 40 minuti, i giudici valutano i lavori eseguiti. I concorrenti dell'edizione 2010 del Festival dei Fiori si sfidano sul tema: Bouquet “Maria Antonietta” e Bouquet “Wolfgang Amadeus Mozart”. Come per il Concorso Bouquet Sanremo, anche nel Concorso Bouquet Sanremo Young i bouquet dovranno essere realizzati con materiale vegetale di esclusiva provenienza ligure. La giuria premierà il vincitore assoluto del Concorso, che potrà partecipare durante l’anno successivo al Concorso Bouquet Sanremo. Saranno premiati anche il 2° e il 3° classificato in ordine assoluto nelle due prove e i primi tre classificati in ciascuna delle due diverse prove a tema.

Il “Gran Banchetto di Corte”

I Duchi di Savoia erano soliti organizzare battute di caccia, feste, balli, ricevimenti, concerti, recite. La Venaria Reale diventa così uno strumento primario di prestigio e di aggregazione nobiliare, tanto che lo spettacolo della vita di corte illumina il potere ducale, ne garantisce la visibilità e stabilisce un legame profondo fra il Duca e l'aristocrazia. Il Festival dei Fiori, per celebrare quest’antica tradizione, organizza per venerdì 12 marzo, alle ore 20.30 il Gran banchetto di corte, evento riservato e a invito in cui la cucina ligure si unisce alla cucina piemontese.

“Il Ballo di Cenerentola”

Con il Ballo di Cenerentola, gran ballo delle debuttanti e concerto di corte* il Festival dei Fiori omaggia gli antichi rituali di corte. Sabato 13 marzo, alle ore 21.00, con le coreografie della famosa Maître de Ballet Maria Beatrice Belluschi (scuola di danza “Balletto di Torino”) e le musiche e i cori a cura dell'Orchestra giovanile “I Music Piemonteis”, 20 ragazze del quarto e quinto anno del Liceo Sacra Famiglia di Torino, accompagnate dai Ufficiali della Scuola di applicazione militare di Torino, faranno il loro debutto in società. L’ingresso al ballo è a pagamento e i biglietti dovranno essere acquistati preventivamente. Nella vita di corte i balli, le feste e le rappresentazioni teatrali ricoprivano grande importanza: in occasione delle nozze di Carlo Emanuele II con Maria Giovanna Battista venne composta, nel 1665, una tragedia musicale a lieto fine che narra l’amor sincero, liberamente tratta dall’Alcesti di Euripide, con l'aggiunta di personaggi che alludono al mondo e al rituale cortigiano. L’opera musicale, con il movimento della scrittura, diviene un efficace strumento di esortazione e propaganda di un messaggio fondato su ammirazione e gioia, indirizzato a un pubblico di corte. Un messaggio che trova nella lettura a Palazzo Reale e nelle sale della Venaria immediate e suggestive corrispondenze tra parole del testo, immagini affrescate o dipinte, stucchi, architettura, giardini.

Maria Beatrice Belluschi è ballerina solista e Maître de Ballet. Perfeziona gli studi di Danza a Cannes. Inizia l'attività professionale nel Corpo di Ballo dell'Arena di Verona, danzando con C. Fracci e G. Jancu. Nel 1986 entra a far parte della Compagnia di Balletto del Teatro Regio di Torino, dove partecipa a tutte le produzioni teatrali con Etoiles e coreografi di fama internazionale (J. Bocca, N. Pontois, F. Bujones, R. North, F. Ashton, ecc.), fino al '92, data dello scioglimento della Compagnia torinese. Vincendo un Concorso nazionale, entra al Teatro alla Scala di Milano, ove si diploma “Maître de Ballet” a pieni voti. Dal '94 dirige il “Balletto di Torino”, una Scuola di Danza Accademica e una Compagnia, l'M.B. Balletto', a indirizzo professionale. Come ballerina solista, è spesso ospite in importanti manifestazioni e galà di danza, ed è invitata a tenere stage di tecnica classica e repertorio.

*L'ingresso al Ballo di Cenerentola è a pagamento.  Il prezzo è di 150 euro a coppia oppure 100 euro a persona per la partecipazione individuale. Il biglietto comprende l'ingresso al Festival dei Fiori. Per partecipare e acquistare il biglietto rivolgersi a Monica Nepote, presso UcFlor – Mercato dei Fiori di Sanremo – Via Quinto Mansuino 12 - 18038 Sanremo (IM). Tel. +39.0184.517111, fax +39.0184.517138. Email: m.nepote@sanremoflowermarket.it

Il prezzo è di 150 euro a coppia oppure 100 euro aè ballerina solista e Maître de Ballet. Perfeziona gli studi di Danza a Cannes.

“Scuole Internazionali di Composizione Floreale”

Spettacolo di esibizione floreale al quale parteciperanno 11 scuole, provenienti da Italia, Russia, Svezia, Ungheria, Norvegia, Slovenia e Sud America. Il tema delle composizioni da realizzare è “La vita di. Ad ogni scuola è assegnato un tema. Ogni scuola avrà a corte nei palazzi reali del XVII e XVIII secolo” disposizione un’area espositiva in cui rappresentare l’argomento assegnato dal Comitato organizzatore.

Ad esibirsi di fronte al pubblico saranno:

• Assofioristi, Italia
• Federfiori, Italia
• Scuola nel laboratorio Idee, Italia
• Haga Gymnasiet Florist, Svezia
• Magyar Gyula Gardening Secondary School, Ungheria
• Scultura Fiori Torino, Italia
• Floral Design School Nicole Moscow, Russia
• Vrtnarska šola Celje, Slovenia
• Vea Statens fagskole for gartnere og blomsterdekoratører, Norvegia
• Blok - blomsterdekoratorfagets opplaeringskontor, Norvegia
• Escuela Iberoamericana de Arte Floral, Sud America

Esibizione del Sanremo Italian Style

Sanremo Italian Style è lo stile di composizione floreale tipico di Sanremo. Creato per valorizzare e dare visibilità ai prodotti floricoli dell’area del Mercato dei Fiori di Sanremo, questo stile si è ormai consolidato tra i migliori fioristi e flower designer d’Italia e del mondo. I maestri del gruppo Sanremo Italian Style e delle Scuole di composizione floreale si esibiranno, alternandosi a ciclo continuo, sui palchi appositamente allestiti, per realizzare composizioni e bouquet dalle forme armoniose e dai colori straordinari. Al termine di ogni esibizione, le composizioni e i bouquet realizzati dai maestri fiorai saranno venduti al pubblico con un’offerta minima di 10 euro, il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza alla Fondazione La Stampa - Specchio dei Tempi ONLUS in aiuto dei bambini di Haiti. L’esibizione del Sanremo Italian Style sul palcoscenico principale è invece prevista per il pomeriggio di lunedì 15 marzo, insieme a quella delle Scuole di Arte Floreale. I capolavori realizzati dal gruppo devono possedere specifici requisiti. I flower designers del Sanremo Italian Style, infatti, devono utilizzare esclusivamente i prodotti floricoli tipici del periodo con conseguente riconoscibilità delle stagioni; valorizzare la morbidezza e la flessibilità del materiale vegetale; dare il giusto risalto al ruolo del profumo e esaltare la luminosità mediterranea attraverso i materiali vegetali e i colori; utilizzare fiori, fronde e foglie intesi come materiali viventi, la cui vita prosegue ancora dopo la realizzazione della composizione; usare in maniera preponderante il materiale vegetale rispetto agli altri materiali, con conseguente riduzione di prodotti cartacei o similari; esaltare infine le tradizioni storico-culturali del Bel Paese.

Esposizioni, allestimenti ed esibizioni a ciclo continuo

Al Festival dei Fiori non potevano mancare allestimenti, stand, esposizioni permanenti dedicati alla ricchissima produzione floricola del Ponente ligure, oltre ad esibizioni di flower design a ciclo continuo. I visitatori avranno quindi la possibilità di assistere alle esibizioni e agli show in programma per la giornata ammirando in ogni momento bellezze e profumi dei fiori di Sanremo.

L’Esposizione permanente: un grande spazio espositivo è dedicato all’esposizione dei prodotti floricoli di Sanremo e della Riviera dei Fiori. Protagonisti saranno tra gli altri anemoni, ranuncoli, papaveri, recisi, fronde e verde provenienti esclusivamente dal comprensorio imperiese.
Stand del Mercato dei Fiori di Sanremo: 
l’UcFlor (Unione Cooperativa Floricoltori della Riviera) è una cooperativa di produttori singoli e cooperative. Oltre ad esercitare le funzioni legate alla direzione del Mercato, si occupa della gestione di molti servizi a favore degli operatori del settore. UcFlor sarà presente al Festival con uno stand per promuovere i produttori e le cooperative che conferiscono all’Ucflor, per presentare il servizio Deposito Fiori e i servizi di commercializzazione.
Vetrina: al termine di ogni gara sarà possibile vedere in esposizione permanente i bouquet, le interpretazioni floreali realizzate durante i concorsi e gli allestimenti a tema delle Scuole d’Arte Floreale. Durante i quattro giorni del Festival, le composizioni verranno esposte lungo un percorso appositamente studiato, anch’esso a tema con l’edizione.
Esibizioni a ciclo continuo: i maestri del Sanremo Italian Style e delle Scuole di composizione floreale nazionali e internazionali si esibiranno, a ciclo continuo sui palchi appositamente allestiti, nell’arte della composizione floreale per mostrare le tecniche che coniugano armonia, forma, colore e profumo.

Smithers-Oasis è sponsor tecnico del Festival dei Fiori 2010. Una presenza che sottolinea il forte legame con i fioristi, nato nel 1954 con la felice intuizione del fondatore, Vernon L. Smither, inventore della spugna floreale. Oggi Smithers-Oasis produce, in 12 aziende distribuite a livello mondiale, una vasta gamma di prodotti che aiutano i fioristi a lavorare più velocemente e in maniera ottimale. I prodotti sempre attuali e innovativi sono il risultato del continuo scambio di esperienza con i fioristi e di una intensa ricerca di mercato. Smithers-Oasis presta molta attenzione al continuo perfezionamento dei prodotti già esistenti. Dal 2005 Smithers-Oasis offre inoltre, con il nome di Oasis Accesories, una vasta gamma di prodotti quali tessuti, fili, spilli e perle ornamentali. Questo assortimento viene costantemente aggiornato con prodotti denominati “Deko Accessories”. Come per tutti i prodotti OASIS spugna floreale e gli ormai testati supporti per lavoro OASIS, anche questi articoli vantano la qualità OASIS. I prodotti Oasis sono oggi gli strumenti di lavoro più apprezzati e ricercati dai fioristi di tutto il mondo.

Biglietti, orario di apertura e parcheggio

Orario di apertura al pubblico:

• venerdì 12 marzo 2010: dalle ore 10.00 alle ore 18.30
• sabato 13 marzo 2010: dalle ore 9.00 alle ore 18.30
• domenica 14 marzo 2010: dalle ore 9.00 alle ore 20.00
• lunedì 15 marzo 2010: dalle ore 9.00 alle ore 18.30

Biglietti:

• intero: 6 €
• ridotto: 4€ (over 65, under 18, gruppi di minimo 12 e massimo 25 persone, possessori di biglietto della Reggia o della mostra in corso alla Reggia nella stessa giornata)
• gratuito: ragazzi fino a 12 anni con accompagnatore adulto

Parcheggio:
• Il principale parcheggio a ridosso delle Scuderie Juvarriane è il Park di via don Sapino Parcheggio Juvarra(raggiungibile da tangenziale di Torino Nord, uscita Savonera) 

Come arrivare

Venaria dista circa 10 chilometri dal centro di Torino e si raggiunge con:
- Linea dedicata GTT “Venaria Express”
- Autobus GTT: linee 72, 11
- Treno GTT: linea Torino Dora-Ceres (fermata Venaria, viale Roma)
Numero verde GTT: 800 019152 - www.comune.torino.it/gtt
- Auto: tangenziale di Torino Nord (si consiglia l’uscita Savonera / La Venaria Reale - Scuderie Juvarriane)
- Aereo: scalo aeroportuale “Sandro Pertini” di Caselle Torinese, poi via Superstrada per Torino o via ferrovia Torino Dora-Ceres
(servizio informazione voli: tel. +39 011 5676361 – www.aeroportoditorino.it)


Per informazioni:
La Venaria Reale
Tel.: +39 011 4992333 – www.lavenariareale.it - www.festivaldeifiori.it
Mercato dei Fiori di Sanremo
Tel. +39.0184.51.71.11 - ucflor@sanremoflowermarket.it



RivieraLigure.it consiglia:
Hotel Globo Hotel Globo
In pieno centro a Sanremo e recentemente ristrutturato
BEST WESTERN Hotel Nazionale BEST WESTERN Hotel Nazionale
Il BEST WESTERN Hotel Nazionale è situato a Sanremo, bellissima cittadina con un paesaggio romantico.
Hotel Alexander Hotel Alexander
A pochi passi dal centro e dall'Ariston
Hotel Eletto Hotel Eletto
Il vostro hotel ideale a 100 mt dal casinò ed al centro della città


Link sponsorizzati


 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza