Festival Camogli in musica

Parte il 7 febbraio la stagione invernale

martedì 2 febbraio 2010

Domenica 7 febbraio inizia il nuovo “anno musicale” del Gruppo Promozione Musicale Golfo Paradiso, con cinque appuntamenti che avranno come sedi la Fondazione Remotti (i tre concerti di febbraio) e il consueto Teatro S. Giuseppe di Ruta.

Inaugurata nel settembre del 2008, la Fondazione Remotti è il frutto del restauro e della rilettura in chiave contemporanea degli spazi dell’ottocentesca chiesa dell’ex Collegio delle “Gianelline” in Camogli (Via Castagneto 52); la realizzazione del progetto, avvenuto attraverso il coinvolgimento di un gruppo di artisti contemporanei (Michelangelo Pistoletto, Gilberto Zorio, Tobias Rehberger, il gruppo A12 e Alberto Garutti), pensata per ospitare mostre, è divenuta essa stessa una mostra. Questo bellissimo spazio, luogo privilegiato dell’arte, si presta anche a riempirsi di altre suggestioni artistiche, quelle della musica per esempio: è questa l’idea che il Gruppo Promozione Musicale ha sperimentato l’estate scorsa, con grande successo, tanto da programmarvi per questa nuova stagione 2010, ben tre concerti, il 7, il 21 e il 28 febbraio. In marzo ci saranno poi altri due concerti al Teatro San Giuseppe di Ruta, sede ormai consueta per il Festival Camogli in Musica.

Anche quest’anno, per i mesi invernali, verrà riproposta la formula dei concerti pomeridiani la domenica (tranne il quarto, programmato per sabato 6 marzo, alle 21), con cena a seguire: una formula che ha avuto molto successo dal punto di vista organizzativo perché l’orario delle 16.30 ben si combina con gli orari delle corriere da e per Camogli, Recco, Santa Margherita, Rapallo; inoltre, il momento conviviale delle riuscitissime cene dopo concerto con la collaborazione della Trattoria del Duca a Camogli e del Bar Nicco a Ruta, permettono al pubblico anche un momento di incontro sociale e di approfondimento, per la possibilità di condividerlo con i musicisti e gli organizzatori. Ma, ovviamente, a richiamare il pubblico sarà soprattutto il programma presentato, contraddistinto da qualità e varietà: “Ancora una volta – dice il direttore artistico Luciano Lanfranchi - la varietà di programmi e formazioni, oltre naturalmente al loro valore artistico, è stata l’elemento informatore della nostra stagione: due recital pianistici dove abbiamo puntato su giovani già collaudati da vittorie in concorsi di prestigio, con impegnativi programmi, incentrati soprattutto sui due grandissimi compositori di cui ricorre quest’anno il 200° anniversario della nascita, Chopin e Schumann, poi un duo di arpa e flauto con due virtuosi del loro strumento e infine anche un concerto meno “classico”, dedicato alle canzoni della Berlino negli anni prima e durante la seconda guerra mondiale.”.

Il primo appuntamento quindi domenica 7, con una grande promessa del concertismo italiano, Giuseppe Greco: a soli 20 anni vincitore di prestigiosi concorsi internazionali, diplomato con lode all'Accademia Nazionale "Santa Cecilia" di Roma, definito da bruno Canino “artista completo e maturo”, il giovane pianista ha già al suo attivo una ricca carriera concertistica; a Camogli propone un grande programma dedicato a Chopin (4 Mazurke op. 30, il terzo Improvviso dell’op. 51, la quarta Ballata e la Polacca Eroica) e a Schumann (Carnaval op. 9).

Il Festival prosegue domenica 21 febbraio (sempre alla Remotti, alle 16.30) con “Berlino che ride, Berlino che piange”, concerto-spettacolo (con proiezioni di immagini e filmati originali) che “racconta” due facce di Berlino: quella spensierata del cabaret e dell’operetta anteguerra e quella della distruzione, della divisione, della dittatura e, infine, della caduta del muro; ne saranno interpreti il mezzosoprano e attrice Bettina Block ed il pianista Corrado Bozzoli.

Domenica 28 febbraio sarà la volta del duo Anna Mancini, flauto, e Lorenzo Montenz, arpa (che oltre ad essere un arpista in carriera è anche monaco benedettino e Direttore della Biblioteca Statale di Montecassino):

due virtuosi del loro strumento, per un programma incentrato sul Romanticismo e sulle tradizioni popolari, che valorizza appieno la smagliante tavolozza sonora dell’arpa e del flauto.

Sabato 6 marzo (alle 21, al Teatro San Giuseppe di Ruta) si esibirà il Taras Piano Trio, da Praga in tournèe in Italia (Radim Kresta violino, Václav Petr violoncello, Hana Volkova pianoforte); il Trio, che lo scorso anno era già stato ospite del Festival Classica in Paradiso ed aveva letteralmente entusiasmato il pubblico, propone un programma che percorre la storia della letteratura per questa formazione attraverso grandi capolavori dal ‘700 al ‘900 (Mozart, Beethoven, Martinu, Šostakovic).

Per l’ultimo appuntamento, domenica 21 marzo (alle 16.30 al S. Giuseppe), di nuovo un recital pianistico con un giovane, Stefano Ligoratti, che è davvero un musicista  a 360 gradi: nonostante l’età (24 anni) è diplomato in Organo e composizione organistica con il massimo dei voti e la lode, in Pianoforte  con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore, in Clavicembalo, in Direzione d'Orchestra, ha conseguito anche il Diploma di pianoforte del Biennio specialistico ad indirizzo concertistico e sta ultimando gli studi di composizione. Ligoratti dedicherà una parte del concerto a Bach (il 21 marzo è proprio il giorno in cui Bach è nato) e l’altra a Chopin.

Gli ingressi sono di 12 Euro l’intero e 8 Euro il ridotto per i Soci GPM e i giovani: “prezzi immutati da quando è entrato in vigore l’Euro!” fa notare la Presidente del GPM Laura Peccerini, che si augura un folto pubblico già dal primo concerto.

Informazioni: 0185-771159 - 0185-770703 - 338-6026821 - web site: www.gpmusica.info

Il programma dettagliato

FESTIVAL CAMOGLI IN MUSICA - INVERNO 2009
a cura del Gruppo Promozione Musicale Golfo Paradiso 

7 febbraio, ore 16.30 – Fondazione Remotti
Giuseppe Greco – pianoforte 

Omaggio a Chopin e a Schumann nel 200o anniversario della nascita
Una grande promessa del concertismo italiano: a soli 20 anni vincitore di prestigiosi concorsi internazionali, diplomato con lode all'Accademia Nazionale "Santa Cecilia" di Roma, definito da bruno Canino “magnifico, artista completo e maturo”, Giuseppe Greco ha già al suo attivo una ricca carriera concertistica; a Camogli propone un grande programma dedicato a due tra i massimi compositori della storia della musica, Chopin e Schumann, di cui nel 2010 ricorre l’anniversario. 

Programma
F.Chopin
4 Mazurke op.30
Improvviso No.3 Op.51
Ballata No.4 Op.52
Polacca op.53 "Eroica"
R.Schumann: Carnaval op.9 

Nato nel 1990, Giuseppe Greco inizia lo studio del pianoforte all'età di 10 anni. In breve tempo consegue numerosi primi premi assoluti in concorsi nazionali e internazionali. Nel 2005, a soli 15 anni, si diploma in pianoforte con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore sotto la guida del M° Vincenzo De Filpo. Ha vinto il premio Valter Cococcia 7° edizione per essere risultato il più giovane diplomato d' Italia con il massimo dei voti dell'anno 2005, esibendosi in un pubblico concerto a Roma. Ha vinto la X° Rassegna Musicale dei Migliori diplomati d'Italia svoltasi a Castrocaro Terme con diritto all'incisione del cd ufficiale della manifestazione distribuito dalla rivista "Suonare News". Ha vinto il 4° premio al prestigioso concorso pianistico "Premio Venezia" 2006 esibendosi nel Gran Teatro La Fenice. Si è esibito ad Ischia per la Fondazione "Wolton", nella Sala "Gervasio" di Matera, per gli "amici della musica" di Pantelleria, al Lingotto di Torino, al Parco della Musica di Roma, al Theatre des Varietes di Montecarlo e al Teatro Paisiello di Lecce. E’ il vincitore assoluto del 47° Concorso Pianistico Internazionale “Arcangelo Speranza” di Taranto. Il celebre pianista Bruno Canino, presidente di Giuria, lo ha così definito: “magnifico, artista completo e maturo”. Recentemente ha chiuso il “Tuscia Operafestival 2009” di Viterbo con il concerto k.466 di Mozart accompagnato dall’ Orchestra Sinfonica del Tuscia Operafestival diretta dal M° Stefano Vignati. Ha chiuso inoltre in settembre il Festival “musica in villa” di Rapallo riscuotendo un enorme successo. Ha conseguito il diploma all'Accademia Nazionale "Santa Cecilia" di Roma nella classe del M° Sergio Perticaroli con il massimo dei voti e la lode. Attualmente è iscritto all’ 8° corso di composizione. 

21 febbraio, ore 16.30 – Fondazione Remotti
Bettina Block - mezzosoprano
Corrado Pozzoli - pianoforte e adattamenti musicali 

Das ist Berlin wie's weint, das ist Berlin wie's lacht
Berlino che ride, Berlino che piange ”  

Un concerto-spettacolo (con proiezioni di immagini e filmati originali) che “racconta” due facce di Berlino: quella spensierata del cabaret e dell’operetta anteguerra e quella della distruzione, della divisione, della dittatura e, infine, della caduta del muro. 

Programma
Meisel- Balz
Berlin bleibt doch Berlin (Berlino è sempre Berlino)
F.Holländer – Th. Tiger (K.Tucholsky)
Zieh dich aus, Petronella! (Spogliati, Petronella!)
Guck doch nicht immer nach dem Tangogeiger hin (Smetti di guardare il suonatore di tango!)
Wenn ich mir was wünschen dürfte (Se potessi desiderare qualche cosa)
A.Conradi
Das ist Berlin wie's weint, das ist Berlin wie's lacht (Berlino che ride, Berlino che piange)
W.Kollo-R.Bernauer-R.Schanzer
Unter den Linden
R.M.Siegel – A. von Pinelli
Ich hab’ noch einen Koffer in Berlin (Ho lasciato una valigia a Berlino)
Reinhard Mey
Grenze (Linea di separazione)
Im Tyrannis (Dittatura)
Das ist mein Berlin (È questa la mia Berlino)
Berlin tut weh (Berlino fa male) 

Bettina Block - mezzosoprano
Bettina Block è nata a Schwabach, in Germania. Si è diplomata in Canto lirico, presso il Conservatorio Statale G.Rossini di Pesaro sotto la guida della M° Evghenia Dundekova. E’ laureata In Lettere italiane e Musicologia, presso l’Università di Heidelberg. Ha frequentato l’Accademia d’arte drammatica, AdK di Ulm e ha studiato flauto sotto la guida del M° Albino Mattei presso il Conservatorio G.Rossini, Pesaro. Ha frequentato masterclass su ” Lied Tedesco”, “Canto barocco”. Nel 2008 ha vinto una Borsa di studio della Fondazione Richard Wagner, di Norimberga. Numerose le esperienze professionali in Italia fra cui il Concerto di Capodanno al Quirinale Roma; Ravenna Festival, Don Pasquale di Donizetti, Direttore Riccardo Muti; A.Vivaldi: Gloria (Mezzosoprano), Orchestra “Città di Ravenna” Direttore Carlo Argelli; Teatro Dal Verme, Milano

Luigi Nicolini/Paolo Limiti: La Zingara Guerriera, Direttore Steven Mercurio; ha partecipato inoltre a numerose realizzazioni del Teatro Municipale di Piacenza, ultima lo scorso maggio “Il Viaggio a Reims” di Rossini con la regia di Rosetta Cucchi. Attualmente è impegnata in una produzione presso il Teatro Comunale di Bologna. 

Corrado Pozzoli - Pianoforte e adattamenti musicali
Corrado Pozzoli ha conseguito il Diploma Accademico di II livello ad indirizzo solistico con votazione di 110 e lode sotto la guida del M° Marco Alpi presso il Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza. Ha seguito le Masterclasses ed i Corsi di perfezionamento dei Maestri Bruno Canino, Konrad Richter, Giuseppe Bruno, Paul Badura-Skoda, Elisso Virsaladze e Sonja Pahor. Ha vinto il Concorso pianistico “Carlo Vidusso” di Milano ed è stato premiato ai Concorsi “Città di Sangemini”, “Città di Albenga”, “Città di Castiglion Fiorentino” ed al Concorso Nazionale di Esecuzione Pianistica “Roberto Zucchi” di Castelnuovo di Garfagnana. Attivo come concertista, ha interpretato, fra l’altro, il Concerto K415 di Mozart con l’Orchestra della Fondazione Arturo Toscanini, diretto dal M° Alistair Dawes, presso il Teatro Municipale di Piacenza, la Rapsodia in Blue di Gershwin, diretta dal M° Fabrizio Dorsi al Conservatorio di Piacenza e le Variazioni Goldberg di Bach a Milano. Interessato anche alla musica Jazz, ha frequentato i Corsi di Roberto Cipelli, Attilio Zanchi, Erminio Cella ed Umberto Petrin, con il quale, il 1° ottobre 2008 ha ultimato il Corso Triennale di Jazz. 

28 febbraio, ore 16.30 – Fondazione Remotti
Lorenzo Montenz – arpa
Anna Mancini – flauto 

Due virtuosi del loro strumento, per un programma incentrato sul Romanticismo e sulle tradizioni popolari, che valorizza appieno la smagliante tavolozza sonora dell’arpa e del fluato. 

Programma
G. Bizet Entr’acte
Seguidilla
R. Galli Fantasia su “Rigoletto”
C. Salzedo Variazioni op. 28 n.2
G. Briccialdi Variazioni sull’aria di Berta da “Il Barbiere di Siviglia”
V. Monti Czardas
H. Trnecek Grande Fantasia da concerto su “ La Moldava”
G. Briccialdi Fantasia su “La Traviata” 

Anna Mancini ha iniziato lo studio della musica con Alvaro Rossi e in seguito si è diplomata in flauto al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma e in didattica della musica al Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Diploma d’onore all’Accademia Chigiana di Siena nella classe di Severino Gazzelloni, si è poi perfezionata a Vienna con Wolfang Schulz a Venezia con Renate Greiss e a Basilea con Aurèle Nicolet. Ha curato varie edizioni di musiche strumentali italiane del ’700 e dell’800. Ha suonato nell’Orchestra Sinfonica di San Remo nell’Orchestra del Teatro Regio di Parma e nell’Orchestra Filarmonica Emiliana. Attualmente suona in diverse formazioni cameristiche in Italia e all’estero Ha effettuato registrazioni per il Terzo Programma della Radio Italiana, Radio Portoghese, Radio Vaticana, Radio Indiana di Bombay, Radio e Televisione Brasiliana. Ha tenuto master-class nell’università di Miami, Philadelphia, New York, Algeri, Rio de Janeiro, Buenos Aires. E’ docente di flauto e musica da camera ai corsi estivi di “Orvieto Musica” e di flauto al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma. 

Lorenzo Montenz Osb
Lorenzo Montenz, oltre ad essere un arpista in carriera è anche monaco benedettino e Direttore della Biblioteca Statale di Montecassino.
Lorenzo Montenz, ha iniziato giovanissimo gli studi musicali diplomandosi in arpa con il massimo dei voti e lode al Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza nella classe della prof.ssa A.M. Restani. Successivamente si è perfezionato con le prof.sse Anna Loro, Luciana Chierici, presso la Guildhall Accademy di Londra sotto la guida del prof. David Watkins e all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma con la prof.ssa Elena Zaniboni.
Tra le numerose orchestre che lo hanno avuto nel loro organico si segnalano l’Orchestra Giovanile Italiana, l’Orchestra Sinfonica di San Remo, l’Orchestra Giuseppe Verdi di Milano e l’Orchestra Sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia suonando sotto la direzione dei maggiori direttori dei nostri giorni (Donato Renzetti, Daniele Gatti, Myung-Wung Chung, Riccardo Muti, Andrea Sinopoli e Claudio Abbado).
Laureatosi in filosofia presso l’Università Statale di Milano con il massimo dei voti e la lode dal 2004 ricopre l’incarico di Direttore della Biblioteca Statale di Montecassino e di professore di storia del libro presso l’Università Statale di Cassino.
A questi impegni affianca un’intensa attività concertistica e didattica. 

Domenica 21 marzo - ore 16.30 - Teatro S. Giuseppe di Ruta
STEFANO LIGORATTI, pianoforte

Nato nel 1986, Stefano Ligoratti è davvero un musicista  a 360 gradi: diplomato in Organo e composizione organistica con il massimo dei voti e la lode, in Pianoforte  con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore, in Clavicembalo, in Direzione d'Orchestra, ha conseguito anche il Diploma di pianoforte del Biennio specialistico ad indirizzo concertistico e sta ultimando gli studi di composizione. Nel 2005 ha fondato l'Orchestra sinfonica "Classica Viva", della quale è Direttore stabile e ha dato vita alla Casa Editrice musicale "ClassicaViva", di cui è Direttore Artistico.. Nel gennaio 2010 ha vinto il Primo premio al Concorso Pianistico Europeo "Città della Spezia" "Mario Fiorentini", il premio speciale del pubblico, e quello per il candidato più giovane. 

J. S. Bach: Fantasia cromatica e Fuga BWV 903
Toccata in Mi minore BWV 914
Bach - Busoni: Ciaccona dalla Partita II BWV 1004
F. Chopin: Scherzo n. 2 op. 31 in Si b minore
Scherzo n. 3 op. 39 in Do # minore
Notturno op. postuma in Mi minore op. 72 n. 1
Notturno op. postuma in Do # minore
Andante spianato e Grande Polacca brillante op. 22 

Nato a Milano nel 1986, Stefano Ligoratti è pianista, organista, clavicembalista, Direttore d'Orchestra, compositore. Ha iniziato privatamente lo studio della musica soltanto a 11 anni, iniziando praticamente subito a comporre già da autodidatta, ed è stato ammesso al Conservatorio di Milano nella classe di Organo, all’età di 13 anni. Da allora non si è più fermato. Ha affiancato agli studi di Organo e Composizione organistica quelli di Pianoforte principale e di Composizione tradizionale. Nel giugno 2006 si è diplomato in Organo e composizione organistica con il massimo dei voti e la lode, nel mese di ottobre 2006 si è diplomato in Pianoforte  con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Nel 2007 ha anche conseguito, a pieni voti, il Diploma di Clavicembalo. Nel marzo 2009 ha conseguito anche, sempre a pieni voti, il Diploma di pianoforte del Biennio specialistico ad indirizzo concertistico. E nel mese di ottobre 2009 ha coronato i suoi studi con il Diploma in Direzione d'Orchestra, (indirizzo tradizionale) con il Maestro Daniele Agiman. Sta ultimando gli studi musicali frequentando, nell'a.a. 2009-2010, il decimo anno del Corso di Composizione tradizionale.
Ha studiato il pianoforte con Maria Gloria Ferrari, Riccardo Risaliti, Leonardo Leonardi e Daniele Lombardi, l'Organo con Eva Frick Galliera e con Ivana Valotti, il Clavicembalo con Ruggero Laganà e Maria Cecilia Farina, la Composizione con Paolo Arcà, Danilo Lorenzini e Mario Garuti e la Direzione d'Orchestra con Julius Kalmar, Herbert Handt e Daniele Agiman.
Dopo il primo concerto organistico, tenuto a Dorno nel 1999, ha fin da subito affiancato allo studio un’attività concertistica molto intensa, esibendosi per importanti enti concertistici sia in Italia che all’estero, nelle vesti di solista (sia come pianista, che come organista e clavicembalista) e Direttore d’Orchestra. Nel 2005 ha dato vita, con altri soci, alla Casa Editrice musicale "ClassicaViva", e nel 2007 ne è divenuto il Direttore Artistico.
Nello stesso anno ha fondato l'Orchestra sinfonica "ClassicaViva", della quale è Direttore stabile o principale. Si è quindi spesso esibito con grande successo alla guida della sua orchestra, spesso nella duplice veste di pianista solista e Direttore. Nel 2007, a Cantù (CO), ha diretto l'Orchestra in un importante concerto sinfonico con grande organico e coro, nel corso del quale ha anche eseguito come solista il Concerto per pianoforte di Schumann. E’ vincitore di diversi premi in Concorsi nazionali ed internazionali, tra i quali quello al Concorso di Castrocaro per l’“XI Rassegna dei migliori diplomati 2006 (Premio SIAE)” Nel mese di gennaio 2010 ha vinto il Primo premio al Concorso Pianistico Europeo "Città della Spezia" "Mario Fiorentini", il premio speciale del pubblico, e quello per il candidato più giovane. Ha collaborato con compositori ed esecutori di chiara fama tra cui: Sergio Calligaris, Daniele Lombardi, Carlo Florindo Semini. Nel settembre 2007 ha partecipato al Festival Internazionale "MITO", sia a Milano che a Torino, con un concerto pianistico dedicato ai bambini, "Children's Corner".

Il debutto nella grande stagione 2009-2010, avvenuto l’11 novembre 2009 per la Società dei Concerti, nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano con un recital solistico, segna una importante svolta nella sua carriera di concertista. Si dedica con passione alla riscoperta del grande repertorio, che ripropone - affiancato a quello di brani rari e poco eseguiti -  in tutte le proprie poliedriche vesti di musicista, dal Rinascimento fino ai giorni nostri. In tal senso ha in progetto la registrazione dell’integrale pianistica per pianoforte solo di Ferruccio Busoni. ll suo primo Cd, "Variazioni... e dintorni", è stato pubblicato nel gennaio 2007. Nel novembre 2009 ha pubblicato il suo secondo CD, "Fantasie", con musiche di J. S. Bach, L. V. Beethoven, F. Mendelssohn, F. Liszt, F. Busoni.



Fonte: Silvia Bonuccelli

Bettina Block Stefano Ligoratti Giuseppe Greco


RivieraLigure.it consiglia:
Hotel Cenobio dei Dogi Hotel Cenobio dei Dogi
Ospitalità e stile richiamano all’ Hotel Cenobio dei Dogi chi sa apprezzare lo charme di uno degli angoli più affascinanti della riviera ligure di levante.
Hotel Portofino Kulm Hotel Portofino Kulm
4 stelle a Camogli: Panorama esclusivo


Link sponsorizzati


 

Iscriviti gratis! Contattaci

Ricerca l'hotel per la tua vacanza